APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
11/12/19 16:17

Torna a ‘casa’ la Alf Pollak di Onorato

Dopo la parentesi scandinava, la nave è già entrata in linea con Tirrenia sulla Genova-Livorno-Catania-Malta affiancando la gemella Maria Grazia Onorato

Dopo averla operata a noleggio per un anno esatto, dal dicembre 2018, la compagnia scandinava DFDS he deciso di non rinnovare il contratto di charter della Alf Pollak, il primo dei 2 ro-ro commissionati dal gruppo Onorato al cantiere tedesco Flensburger a gennaio dello scorso anno.

La nave, lunga 209,79 metri con una stazza di 32.770 tonnellate, un pescaggio di 6,80 metri e una capacità di trasporto di 4.100 metri lineari di carico (300 semirimorchi), appena consegnata all’armatore campano era stata girata in subnoleggio a DFDS, che l’ha utilizzata per 12 mesi e ora l’ha restituita a Onorato. Già rientrata in Italia, la Alf Pollak navigherà ora sotto le insegne di Tirrenia: partirà infatti questa sera dal terminal CPS di Catania affiancando la gemella Maria Grazia Onorato (con cui condivide anche la livrea-manifesto: “Onorato per i marittimi italiani”) sulla linea che collega Genova, Livorno, Catania e Malta (con la possibilità di scali anche a Napoli).

Con l’ingresso in linea della Alf Pollak – spiega il gruppo Onorato in una nota – si “liberano navi attualmente impiegate su questa tratta per altri importanti mercati, a partire da quello da e per la Sardegna, fino alle rotte delle autostrade del mare dell’Adriatico, da Ravenna a Brindisi e a Catania”.

Nel frattempo, secondo la stampa locale sarda, Singergest – società controllata dal gruppo Moby e partecipata col 20% dal Comune di Olbia – avrebbe presentato un’offerta per la gestione temporanea dei servizi presso il terminal passeggeri dell’Isola Bianca.

A gestire la struttura è la stessa società, in forza ad una proroga della precedente concessione che scade però il 31 dicembre prossimo. Visto l’esito della recente procedura pubblica per trovare un nuovo concessionario (nessuna offerta formale, nonostante l’interesse manifesto di Moby e Grimaldi), l’AdSP sarda non potrà arrivare in tempo ad un’assegnazione, motivo per cui l’ente guidato da Massimo Deiana ha avviato 3 procedure negoziate ad evidenza pubblica, con carattere di urgenza, tramite cui affidare per un periodo ponte di minimo 4 mesi la gestione dei servizi essenziali: smistamento autovetture in arrivo e in partenza via traghetto dall’Isola Bianca, servizio di bus navetta e servizio informazioni.

Procedure a cui – come riportato dalla cronache locali – al momento avrebbe partecipato soltanto Sinergest.

 

 

TAG : ro-ro
Stampa