English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
24/11/22 16:34

Il Tribunale di Milano omologa i concordati di Moby e Tirrenia

I giudici rigettano l’opposizione formulata da Grimaldi e danno formalmente avvio al piano di risanamento delle due compagnie del gruppo Onorato

Devono aver tirato un bel sospiro di sollievo Vincenzo Onorato, i figli Achille e Alessandro e tutti i membri del management di Moby e Tirrenia: dopo anni di troubles – in italiano si potrebbe usare il termine più colloquiale ‘tribolazioni’ – e un iter burocratico decisamente lungo e articolato, le due shipping company hanno ottenuto l’ammissione alla procedura di concordato preventivo, che costituisce per entrambe una concreta opportunità di sopravvivenza innanzitutto, e quindi di rilancio.

Con una stringatissima nota, la stessa Moby annuncia infatti che “in data odierna (24 novembre; ndr) il Tribunale di Milano ha omologato il concordato della compagnia e della sua controllata CIN S.p.A. Con il decreto di omologa il Tribunale ha rigettato l’unica opposizione promossa dalla Grimaldi Euromed S.p.A. condannandola al pagamento delle spese”.

L’opposizione all’omologa formulata dal gruppo Grimaldi, a causa di alcuni contenziosi in corso con le due società del gruppo Onorato, aveva fatto slittare i termini della procedura, tanto che lo scorso 14 ottobre, durante l’ultima udienza, i giudici milanesi si erano presi altro tempo per valutare nel merito la situazione, posticipando la decisione definitiva.

Decisione che però ora è arrivata, dopo diversi mesi dal via libera ai piani di concordato di Moby e Tirrenia espressi dai creditori delle due società rispettivamente a giugno e luglio scorsi.

Ora – protette dall’istituto del concordato e quindi al riparto da potenziali istanze di fallimento da parte dei creditori – le due shipping company controllate dalla famiglia Onorato potranno dare concreto avvio ad un articolato piano di risanamento che prevede il rientro di parte della considerevole esposizione debitoria anche tramite la vendita di alcune delle navi del gruppo.

 

F.B.

TAG : ferry
Stampa