APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
06/12/19 10:49

Costa Smeralda: è in arrivo la nuova nave alimentata a LNG

La nuova ammiraglia della flotta Costa è una “smart city” itinerante, in grado di garantire una significativa riduzione dell’impatto ambientale. La prima crociera partirà da Savona il 21 dicembre 2019.

== COMUNICAZIONE AZIENDALE ==

Mancano pochi giorni all’arrivo di Costa Smeralda, una delle navi più innovative del settore delle crociere. La nuova ammiraglia di Costa Crociere è partita lo scorso 6 dicembre dal cantiere Meyer di Turku, Finlandia, dove è stata costruita. Dopo la cerimonia di consegna ha fatto rotta verso il Mediterraneo, dove farà tre tappe di presentazione per gli agenti di viaggio: a Barcellona il 18 dicembre; a Marsiglia il 19; a Savona il 20. Da qui, il 21 dicembre la nave salperà per la sua prima crociera di una settimana: toccherà Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Civitavecchia e La Spezia.

Costa Smeralda è una “smart city” itinerante alimentata a gas naturale liquefatto (LNG), il combustibile fossile più pulito al mondo, che rappresenta una vera e propria innovazione a livello globale assicurando un basso impatto ambientale e un significativo miglioramento della qualità dell’aria. L’LNG permette infatti di eliminare quasi totalmente le emissioni di ossidi di zolfo (zero emissioni) e particolato (riduzione del 95-100%), riducendo significativamente anche le emissioni di ossido di azoto (riduzione diretta dell’85%) e di CO2 (riduzione sino al 20%).

Costa Smeralda è la prima nave di Costa Crociere ad essere alimentata sia in porto che in navigazione a LNG. Il Gruppo Costa (di cui fanno parte Costa Crociere, AIDA Cruises e Costa Asia) è stato il primo operatore in assoluto a introdurre questa innovazione sostenibile, grazie a cinque nuove navi a LNG che entreranno in servizio entro il 2023, destinate a ridurre l’impatto dell’intera flotta in maniera rilevante.

Il concetto di smart city, per la nuova ammiraglia Costa, va anche oltre l’alimentazione a LNG: la nuova nave è un concentrato di innovazioni tecnologiche d’avanguardia studiate per ridurre l’impatto ambientale. Ad esempio, il fabbisogno giornaliero di acqua viene soddisfatto trasformando direttamente quella del mare grazie a moderni dissalatori.  Allo stesso modo, il consumo energetico è ridotto al minimo grazie alla forma dello scafo disegnata per ridurre sensibilmente l’attrito con l’acqua, ma anche grazie all’utilizzo di luci a LED, al recupero del calore dei motori, e ad ascensori di nuova generazione che recuperano l'energia attraverso la reimmissione nel sistema elettrico.

C’è poi il tema della riduzione di plastica monouso. Sulle navi Costa è già stata eliminata da anni per la maggior parte degli utilizzi ed è stata sostituita con materiali alternativi: sarà progressivamente ridotta con largo anticipo rispetto agli obiettivi della Direttiva Europea. La plastica, come altri materiali quali carta, vetro e alluminio, saranno parte di un approccio integrato, finalizzato alla concretizzazione di progetti di economia circolare che porteranno al 100% di raccolta differenziata. E anche sulla nuova ammiraglia verrà dedicata grande attenzione al tema del cibo, grazie al programma 4GOOFOOD – dedicato alla riduzione degli sprechi alimentari e al recupero delle eccedenze – e alla novità del Ristorante LAB – Laboratorio del Gusto, che coinvolgerà gli ospiti in maniera divertente con uno sguardo alla sostenibilità alimentare.

 

zoom

Stampa