APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
13/05/19 18:19

T.Mariotti torna a Porto Nogaro per gli scafi delle navi Seabourn

Cimar (joint venture con Cimolai) si occuperà di costruire gli scafi delle nuove navi extra-lusso che saranno poi trasferite a Genova per l’allestimento finale

In attesa di poter concretamente dare il via alle attività del nuovo stabilimento di Piombino (Piombino Industrie Marittime), il gruppo Genova Industrie Navali porta ancora in Adriatico la costruzione degli scafi per le prossime navi da crociera da costruire. A San Giorgio di Nogaro, dove sorge il cantiere della joint venture Cimar partecipata dai gruppi T.Mariotti e Cimolai, si tornerà nuovamente a costruire scafi per navi da crociera, a distanza di otto anni dall’ultimo realizzato per Seabourn.

A precisa richiesta su dove verranno realizzati quelli per le nuove costruzioni in ordine (un traghetto per RFI e due navi da crociera di lusso), da T.Mariotti fanno sapere che “l’iter per Piombino va avanti e speriamo di avere presto novità”, ma “nel frattempo il gruppo GIN ha un carico di lavoro consistente sia nell’ambito delle riparazioni navali sia nelle nuove costruzioni che coinvolge tutti i cantieri del gruppo - Genova, Marsiglia, Piombino”.

La società precisa poi che “in questa fase si sta lavorando a una pianificazione e distribuzione delle varie commesse, inclusa quindi la costruzione del nuovo traghetto RFI, e dei carichi di lavoro, per massimizzare la produttività di ciascun sito e alcuni dettagli non sono ancora stati definiti. Per quanto concerne RFI ancora non tutti i dettagli sono disponibili”. Secondo indiscrezioni pare sarà proprio Piombino la location scelta per la costruzione del traghetto gemello del Messina destinato a essere impiegato fra le due sponde dello Stretto che divide Sicilia e Calabria.  

Dal gruppo Genova Industrie Navali aggiungono poi che “la situazione più chiara al momento è quella che riguarda la costruzione delle navi Seabourn, per le quali è previsto che gli allestimenti vengano realizzati a Genova”, mentre “lo scafo della Seabourn sarà realizzato a San Giorgio di Nogaro. La consegna della prima nave è prevista per il 2021, e la pianificazione del lavoro prevede che scafo e sovrastrutture arrivino a Genova verso maggio 2020”.

Come detto, pare dunque destinata a rimettersi in attività a pieno regime la joint venture Cimar nata nel 2007 e alla quale era stata affidata la costruzione degli scafi delle tre navi da crociera Seabourn Odyssey (consegnata nel 2009), Seabourn Sojourn (2010) e Seabourn Quest (2011). Negli anni seguenti T.Mariotti aveva esternalizzato, invece, al Cantiere Navale Visentini, la  realizzazione dello scafo per la nave passeggeri destinata al Sultano dell’Oman.

Nicola Capuzzo

Stampa