APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
14/09/18 11:18

"Sullo Stretto solo una razionalizzazione del servizio”

RFI risponde alle polemiche seguite alla costituzione della nuova compagnia marittima Blu Jet

Nessun abbandono, né disimpegno sullo Stretto di Messina da parte del Gruppo FS Italiane.

A spiegarlo, a latere delle polemiche seguite alla costituzione di una nuova società che prenderà in carico la gestione degli aliscafi della flotta, è una nota di RFI: “Blu Jet, la nuova società controllata da Rete Ferroviaria Italiana, è stata creata per rafforzare il sistema di attraversamento dello Stretto, garantendo il collegamento navale dei passeggeri tra Messina e Villa San Giovanni. Non ci sarà pertanto alcun impatto sul servizio di traghettamento ferroviario tradizionale, relativo ai treni a lunga percorrenza”.

La nota spiega la riorganizzazione in tre filoni del servizio: “Il nuovo assetto del sistema di attraversamento dello Stretto prevede, oltre a Blu Jet per i passeggeri, le navi di RFI per i treni a lunga percorrenza e le navi bidirezionali di Bluferries per gli autoveicoli e i mezzi pesanti. RFI smentisce quindi ogni ipotesi di riduzione di navi traghetto, il cui servizio è organizzato anche in base agli accordi contenuti nel Contratto di Servizio, firmato nel 2017 fra Trenitalia e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Tale documento stabilisce e vincola per dieci anni il perimetro dei collegamenti ferroviari tra il Nord e il Sud del Paese”. 

A rafforzare la propria posizione di impegno nel trasbordo di carri ferroviari, RFI ha anche ricordato il bando di gara europeo, già pubblicato, per affidare la costruzione di una nuova nave traghetto, operativa dal 2020, con un investimento di oltre 50 milioni di euro.

Stampa