APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
12/07/18 16:18

STX France: il 100% in mano a Parigi

Scattato il passaggio di quote propedeutico alla cessione del 50+1% in favore di Fincantieri, previsto in autunno

Da ieri (mercoledì 11 luglio; ndr), lo Stato francese – in via soltanto temporanea – controlla il 100% dei cantieri STX France di Saint-Nazaire, che a breve dovrebbero tornare ad assumere la denominazione originaria di Chantiers de l'Atlantique.

Secondo la stampa d’Oltralpe, infatti, L'Agence des participation de l'Etat (APE) ha annunciato di aver rilevato proprio ieri i 2/3 di STX France da STX Offshore & Shipbuilding, per un corrispettivo di 80 milioni di euro (il 33,3% restante era già in mano a Parigi).

Si tratta però di un passaggio che, in base agli accordi stipulati con le controparti, dovrebbe essere soltanto temporaneo e propedeutico a delineare l’assetto definitivo dell’azionariato di STX France, che vedrà Fincantieri come azionista di maggioranza assoluta, ancorché tramite una particolare formula che prevede che l’1% determinante venga dato in prestito proprio da Parigi al gruppo navalmeccanico italiano, il quale potrà mantenere il controllo dei cantieri soltanto rispettando una serie di ‘paletti’ predeterminati.

Questo primo passaggio, dal gruppo sudcoreano allo Stato francese, era previsto per il 1° luglio, ma secondo un portavoce dell’esecutivo transalpino – citato dall’agenzia di stampa AFP – “è stato rimandato di alcuni giorni unicamente a causa di formalità tecniche”.

Il controllo integrale del cantiere da parte dello stato francese, comunque, dovrebbe durare soltanto pochi giorni: sempre secondo i media locali, infatti, già la prossima settimana si concretizzerà il passaggio delle quote di minoranza destinate – in base agli accordi firmati sull’asse Roma-Parigi lo scorso febbraio, che a loro volta formalizzavano l’assetto delineato nel settembre dell’anno precedente – a Naval Group (10%), fornitori locali del cantiere (3,26%) e i circa 2.600 dipendenti dello stabilimento (2,4%).

Il 34,4% del capitale di STX France resterà poi in mano a Parigi tramite APE, mentre il restante 50% (+ l’1% in prestito) è destinato a Fincantieri, ma questo secondo passaggio non sarà altrettanto rapido. Sempre secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa AFP, infatti, un portavoce del governo francese avrebbe spiegato che per il passaggio del 50% destinato al gruppo navalmeccanico italiano “bisognerà attendere il via libera dell’autorità per la concorrenza, che è previsto verso l’autunno”.

 

F.B.

 

TAG : cantieri
Stampa