APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
14/03/20 12:47

Stop globale alle crociere

Anche CLIA ‘ordina’ alle navi il fermo per 1 mese negli Stati Uniti. MSC ‘allunga’ la sospensione a 45 giorni

Fatalmente, dopo che anche Donald Trump ha realizzato la gravità della situazione, da cui gli USA non sono immuni, dichiarando ‘emergenza nazionale’ e stanziando contro la crisi sanitaria ben 50 miliardi di dollari, anche lo scintillante mondo delle crociere a stelle e strisce che sino a ieri nicchiava, si adeguato a quanto appena deciso nel Vecchio Continente.

Le compagnie appartenenti a CLIA, l’associazione internazionale dell’industria crocieristica – ovvero sostanzialmente tutte quelle americane, pari al 95% del business globale - hanno volontariamente deciso di sospendere per 30 giorni (a partire dal 14 marzo) tutte le attività negli Stati Uniti; decisione che gli armatori hanno adottato interpretando le indicazioni delle autorità sanitarie internazionali in maniera ancora più restrittiva e che segue a quanto già stabilito per altre zone del mondo, Italia e Mediterraneo compresi.

Come conseguenza, le navi attualmente in navigazione faranno ritorno in porto per sbarcare immediatamente i passeggeri in sicurezza.

“Le compagnie hanno infatti sempre posto la salute e la sicurezza dei passeggeri e degli equipaggi al primo posto. Per cui, di fronte all’emergenza legata al diffondersi del Coronavirus, fin da gennaio hanno adottato una serie di misure molto restrittive, tra cui screening e controlli preventivi, divieto di imbarco per chi era transitato nelle zone a maggiore diffusione dell’epidemia o aveva avuto contatti a rischio. Al momento, però, sono necessarie misure ancora più incisive” spiega una nota dell’associazione guidata dal gennaio 2019 da Kelly Craighead, Presidente & CEO, mentre Adam Goldstein, Vice President di Royal Caribbean, ne è Chairman.

“Purtroppo, tale decisione causerà inconvenienti e problemi a crocieristi che magari hanno lavorato e atteso questa vacanza per anni. Ma questa situazione senza precedenti ci impone decisioni immediate a tutela della salute dei viaggiatori e degli equipaggi, onde evitare danni peggiori. I viaggiatori possono contattare agenzie di viaggio e operatori per definire restituzioni e rimborsi.

Purtroppo il blocco delle attività avrà pesanti ricadute negativi su famiglie e lavoratori, ma non c’è dubbio che questa sia la cosa giusta da fare” conclude l’accorata dichiarazione di CLIA.

Negli Stati Uniti il settore crocieristico crea 421 mila posti di lavoro e 53 miliardi di dollari di valore aggiunto. In Italia il fatturato complessivo è 13,2 miliardi di euro, ma grazie ad una catena del valore molto lunga, si generano complessivamente 30 miliardi ogni anno, 120 mila posti di lavoro, salari per 3,6 miliardi di euro e una spesa diretta di 5,4 miliardi di euro.

Rispetto a questa decisione di CLIA, MSC è andata oltre, annunciando uno stop alle sue crociere negli Stati Uniti per 45 giorni, sino al 30 aprile. “Non è una decisione che abbiamo preso alla leggera, ma nelle circostanze attuali la salute e la sicurezza dei nostri ospiti, dell'equipaggio e delle comunità a terra - compresi i nostri dipendenti e le loro famiglie - deve venire prima di tutto. Quale azienda a conduzione familiare, con oltre 300 anni di tradizione marinara, abbiamo ritenuto che questa fosse la decisione giusta da prendere”, ha commentato Pierfrancesco Vago, Presidente Esecutivo di MSC Crociere.

La compagnia ginevrina aveva già fermato le crociere in tutte le aree considerate ad alto rischio a causa della diffusione del virus: nel Mediterraneo, nel Golfo e in Asia. Le navi che oggi si trovano in Sud America e in Sud Africa si fermeranno anch’esse, al termine degli itinerari in corso.

MSC ha offerto a tutti gli ospiti, la cui vacanza è stata cancellata a causa della decisione odierna, la possibilità di utilizzare il 100% dell’importo pagato - oltre ad un ulteriore credito omaggio - per la prenotazione di una nuova crociera da fruirsi entro la fine del 2021. Qualora non riescano ad utilizzare il credito entro tale data, MSC Crociere offrirà ai propri ospiti il rimborso completo di quanto pagato.

 

A.S.

Stampa