APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
13/01/20 16:51

Stallo sui collegamenti verso i porti 'minori' della Corsica

Sullo sfondo la creazione della società pubblico-privata che dovrà garantire la continuità territoriale dal 2021. Marittimi in agitazione

Non si sblocca l'impasse sui collegamenti tra la Francia continentale e i porti 'minori' della Corsica.

Mentre le sovvenzioni per le linee tra Marsiglia e gli scali principali dell'isola (Bastia, Ajaccio, Ile Rousse) risultano dallo scorso giugno assegnate alle 'navi rosse' di Corsica Linea per il periodo ottobre 2019-dicembre 2020, riguardo i servizi che dovrebbero mettere in relazione la stessa città della Francia meridionale con Porto Vecchio e Propriano ancora non si è giunti a una soluzione. Tanto che da venerdì scorso uno sciopero è in corso a La Meridionale, così come sono in atto blocchi di protesta tra i marittimi di Corsica Linea impegnati in Maghreb, a Marsiglia e in Corsica, le cui preoccupazioni e richieste vanno però anche al di là della questione dei collegamenti con gli scali corsi minori.

All'orizzonte c'è infatti il piano di lungo periodo per assicurare la continuità territoriale all'isola.

L'assemblea corsa ha deliberato (l'ultima volta lo scorso dicembre, dopo un voto di indirizzo già dato nel 2016) a favore della creazione di una SEMOP, una società mista pubblico-privata, che dovrà nascere entro il gennaio del 2021 e alla quale verrà attribuita una convenzione decennale per i collegamenti tra la Francia continentale e i cinque principali scali corsi. La creazione della SEMOP comporterà la contestuale fine del sistema delle DSP (délégation de service public, ovvero il sistema delle sovvenzioni pubbliche). Che però intanto continua a restare in vigore. Lo scorso giugno lo stesso 'parlamentino' dell'isola aveva deciso di attribuire una DSP 'temporanea', appunto per gestire per il periodo compreso tra l'ottobre 2019 e il 31 dicembre 2020, suddivisa in vari lotti. Le sovvenzioni per i tre servizi principali – quelli tra Marsiglia e Bastia, Ajaccio, Ile Rousse – sono state assegnate a Corsica Linea. La Méridionale, che nell'ambito della DSP precedente aveva collaborato con la stessa Corsica Linea su tutte le cinque rotte, era stata esclusa dal meccanismo di sovvenzione per le tre linee maggiori e ha quindi adito le vie legali, contestando (senza successo) la decisione al competente tribunale amministrativo. Al contempo, la compagnia marsigliese controllata da STEF aveva anche messo in disarmo parte della flotta.

Per i servizi che dovrebbero mettere in relazione Marsiglia con Porto Vecchio e Propriano non si è invece ancora non si è giunti a una soluzione. In lizza per ottenere le sovvenzioni, secondo diverse testate francesi, sarebbero state appunto le due compagnie ex colleghe (Corsica Linea e La Méridionale) insieme a Corsica Ferries. Lo scorso settembre però l'assemblea corsa ha deciso di rivedere il bando di gara iniziale ritenendolo ormai superato, ovvero non più allineato alle necessità di trasporto verso l'isola (tra le nuove richieste, anche quella di garantire "52.000 passeggeri in più verso Porto Vecchio nel 2020"). Fino ad arrivare a pochi giorni fa: lo scorso 9 gennaio lo stesso parlamentino ha votato a favore dell'indizione di una nuova gara, che a questo punto servirà a coprire il periodo maggio – dicembre 2020 (per i mesi tra febbraio e maggio si procederà invece con accordi provvisori, verosimilmente proroghe, per garantire la continuità del servizio).

Una situazione di incertezza che ha dunque scatenato le proteste dei marittimi delle due principali compagnie interessate dalla vicenda, che però sul piatto hanno messo anche la questione della nuova 'flotta corsa'.

Qualsiasi sarà il risultato della gara, come detto la soluzione che ne uscirà sarà infatti solo temporanea, ovvero durerà fino alla nascita della nuova società  (non due come ipotizzato in passato) SEMOP, il cui capitale sarà per il 51% della Collectivité de Corse (CDC) e per il restante 49% di uno o più operatori privati. Questo soggetto dovrà essere individuato  tramite gara entro il giugno di quest'anno (le offerte dovranno essere presentate entro il mese di febbraio).

Nei giorni scorsi La Méridionale aveva ribadito di essere pronta a impegnarsi nella SEMOP, in particolare per le linee "che serviranno Bastia e Ajaccio". In un'intervista rilasciata a Corse Matin in queste ore il presidente di Corsica Linea Pascal Trojani ha detto però che la sua società si metterà nelle condizioni di poter "correre da sola" nella gara. I marittimi di entrambe le compagnie, preoccupati per i risvolti occupazionali di una SEMOP con un solo socio privato, premono invece perché le due società si accordino e si presentino compatte all'appuntamento per la nascita della nuova compagnia.

F.M.

 

TAG : Ferry
Stampa