APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
04/12/18 16:33

San Giorgio del Porto completa il refitting dell’Ursa Major

Lo spintore ex Ilva, incendiatosi nell’estate 2017, sarà consegnato entro fine anno al nuovo armatore Arcelor Mittal Maritime

E’ stata celebrata oggi, con la benedizione impartita da Monsignor Molinari, in occasione della consueta installazione della Madonna a prua dell’imbarcazione, la fine dei lavori di refitting fatti dal cantiere genovese San Giorgio del Porto sullo spintore Ursa Major, parte dell’ex flotta dell’Ilva oggi passata sotto il controllo di Arcelor Mittal Maritime.

L’Ursa Major era arrivato gli stabilimenti di San Giorgio del Porto nell’estate dello scorso anno, “a seguito – spiega la società navalmeccanica genovese in una nota – di un incendio che ne aveva compromesso le strutture comprese le sale macchine, gli alloggi e il ponte di comando mentre era in navigazione nelle acque di Gioia Tauro”.

Il progetto di refitting curato dal cantiere di proprietà di GIN (Genova Industrie Navali, la holding controllata dalle famiglie Garrè, Bisagno e Negri, a cui fa capo anche T. Mariotti) è durato quasi 18 mesi ed ha coinvolto 50 persone tra tecnici, operai ed ingegneri.

Gli interventi portati a termine hanno riguardato: strip out del materiale andato a fuoco; rifacimento completo della sala macchine e sostituzione degli impianti e macchinari; rifacimenti di tutti gli alloggi, celle frigo, ospedale e della cucina; revisione e rifacimento del ponte di comando; rifacimento degli impianti elettrici e condizionamento; sostituzione delle parti di ferro compromesse.

L’Ursa Major inizierà ora le prove in mare, che dureranno alcuni giorni, e verrà consegnato ad Arcelor Mittal Maritime – la società creata nelle scorse settimane da Arcelor Mittal per rilevare asset e forza lavoro dell’ex Ilva Servizi Marittimi – entro la fine di quest’anno.

 

 

TAG : cantieri
Stampa