APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
11/12/18 18:29

Rebranding per il trading di bunker targato Jacorossi

La neocostituita Bunker Energy, anch’essa controllata dalla famiglia romana, ha rilevato da Maxcom Bunker il ramo d’azienda attivo nella commercializzazione di carburante navale

E’ probabile che sia stata la recente esposizione mediatica di Maxcom Bunker, dovuta al coinvolgimento di alcuni ex manager (ma non direttamente della società) in un caso di contrabbando di prodotti petroliferi, di cui nelle scorse settimane si è occupata anche la trasmissione televisiva ‘Le Iene’, a spingere gli imprenditori romani Jacorossi, al vertice del gruppo di cui Maxcom è parte, ad attuare una vera e propria operazione di rebranding della società basata a Genova e attiva a livello internazionale nel trading di bunker, nonché nella fornitura fisica di carburante navale in Sicilia, tramite la controllata Anapo (rilevata nel 2012 dal gruppo genovese Novella).

“Robusta sotto un profilo patrimoniale grazie all’apporto di capitali da parte del socio Fin Go & Fuel S.p.A e guidata da un management qualificato e motivato, Bunker Energy S.p.A. ha rilevato il ramo d'azienda relativo alla commercializzazione sui mercati nazionali ed internazionali di prodotti petroliferi per il bunkeraggio marittimo da Maxcom Bunker S.p.A” si legge infatti in una nota ufficiale diramata dalle società coinvolte.

Non si tratta però di un cambio di proprietà: Bunker Energy, che rileverà da Maxcom Bunker il solo ramo d’azienda relativo al trading di carburante navale, e non quello attivo nella fornitura fisica tramite le bettoline di Anapo, e che con tutta probabilità manterrà la sua sede operativa a Genova, è infatti controllata al 100% da Fin Go & Fuel, la holding della famiglia Jacorossi. Quest’ultima società è anche l’azionista di controllo (60%) della stessa Maxcom Bunker, partecipata al 40% da Maxcom Petroli, società attiva in altri segmenti dell’industria petrolifera e a sua volta controllata al 100% dalla capogruppo Fin Go & Fuel.

Non si tratta quindi, per il gruppo Jacorossi, di una ritirata dal business del trading di bunker, dove anzi la neocostituita Bunker Energy, sgravata dal ‘peso’ dell’attenzione mediatica catalizzata da Maxcom Bunker, “si propone di divenire presto un primario player nel settore”, si conclude la nota.

 

F.B.

TAG : bunker
Stampa