APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
02/08/18 09:30

Onorato aggiunge tre rimorchiatori al portafoglio ordini di sei nuove navi

Damen in pole position per aggiudicarsi la fornitura dei mezzi a Moby che andranno a sommarsi ai nuovi investimenti di Onorato Armatori

Flensburg (Germania) – La flotta Moby-Tirrenia oltre alle due navi ro-ro in costruzione a Flensburg, in Germania, e ai quattro traghetti ordinati in Cina al cantiere Guangzhou Shipyard International, nel prossimo futuro riceverà anche tre nuovi rimorchiatori da un cantiere olandese (con ogni probabilità Damen Shipyard).

Lo ha rivelato il patron del gruppo, Vincenzo Onorato, durante la conferenza stampa indetta per celebrare il varo della seconda nave ro-ro in costruzione presso il cantiere Flensburger che sarà ribattezzata Maria Grazia Onorato. Parlando della cantieristica navale italiana e internazionale l’armatore partenopeo si è lasciato sfuggire che il suo gruppo ha dovuto rivolgersi all’estero per realizzare “tre nuovi rimorchiatori che saranno impiegati nei porti sardi” dove Moby è concessionaria dei servizi di rimorchio. “La firma dell’ordine avverrà entro la fine di quest’anno” ha poi aggiunto precisando però che il gruppo non è intenzionato ad allargare la propria quota di mercato nel rimorchio portuale con nuove acquisizioni.

Le nuove navi che entreranno a far parte del gruppo Moby (destinato a diventare Tirrenia con la fusione per incorporazione che si chiuderà entro il 2018) saranno dunque nove perché a questi rimorchiatori vanno aggiunte le due navi ro-ro da 4.200 metri lineari (destinate a entrare in servizio sulla linea Genova-Livorno-Catania da inizio 2019) e i quattro traghetti ordinati con Grandi Navi Veloci in Cina, Quest’ultime sei unità, diversamente dai rimorchiatori, saranno rilevate dall’azienda di famiglia Onorato Armatori e poi subnoleggiate a Tirrenia e Moby).  

L’amministratore delegato Achille Onorato ha definito queste ro-ro tedesche “le navi più grandi e più green attive nel Mediterraneo” specificando che, per rispettare le normative sul limite alle emissioni che entreranno in vigore dal 2020, saranno dotate di scrubber.

Nicola Capuzzo

Stampa