APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
08/10/19 08:48

Musso non si sente più straniero a Marina di Carrara

Grendi festeggia quattro anni nel porto toscano da ‘padrone di casa’ con una festa conviviale ‘sarda’

Marina di Carrara – Non era certo questa l’occasione attesa per comunicazioni dirompenti (malgrado la convocazione della stampa), essendo ufficialmente “un momento informale di vicinanza al territorio”. Ma comunque Antonio Musso, nel suo breve saluto di circostanza, ha voluto lanciare un chiaro messaggio ai 150 partecipanti al pranzo conviviale - tradizionalmente a base di porceddu sardo; un rituale che si ripete due volte all’anno, in Sardegna e in Continente- allestito nel magazzino del terminal presso la Banchina di Levante.

“Siamo insediati a Marina di Carrara ormai da quattro anni e dapprima eravamo guardati con un certo sospetto; oggi mi sento di dire che non siamo più stranieri in questo porto” ha spiegato, con soddisfazione, l’Amministratore Delegato di Grendi Trasporti Marittimi.

Come di consueto, presenti tanti dipendenti dello ‘storico’ (191 anni di attività) gruppo aziendale familiare degli uffici di Genova, Cagliari e Marina di Carrara, alcune autorità, partner e fornitori per celebrare un momento di compattamento della squadra.

Se oggi Antonio Musso e la sorella Costanza (nominata recentemente Cavaliere del Lavoro) si possono sentire padroni di casa nel porto toscano è certamente anche merito del buon andamento dei loro affari, che ha permesso di far crescere l’impatto (positivo) sul territorio proporzionalmente all’aumento degli spazi a disposizione, ora totalmente recintati. La concessione di 1000 mq di magazzino ed altri spazi all’aperto hanno permesso di aumentare l’efficienza nelle operazioni di movimentazione mezzi e gestione dello spazio del terminal carrarino.

Recentemente il gruppo genovese ha provveduto al primo trasporto merci (750 tonnellate di palancole) in arrivo con mezzo ferroviario al terminal di Marina di Carrara verso Porto Torres, trasferite via nave direttamente a destinazione.

Ma anche al ‘capolinea’ sardo molto si muove: pochi giorni fa è arrivata a Cagliari la nave Avra Miteras di MSC su cui Grendi ha effettuato la movimentazione di 305 pezzi tra sbarco e imbarco.

Stampa