APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
20/06/19 00:00

MSC ha preso un’altra nave per la flotta Messina

Il ro-ro Tasmanian Achiever è stato rilevato in Australia e verrà noleggiato alla partecipata genovese per impiego sulla linea fra Gioia Tauro e Tunisi

A pochi giorni di distanza dalla notizia del closing dell’affare che ha portato la Marinvest di Gianluigi Aponte a rilevare il 49% del Gruppo Messina, dal mercato emerge la notizia che sempre una società di MSC ha appena acquistato una nave ro-ro da 2.500 metri lineari di capacità che verrà girata a noleggio alla shipping company genovese.

Più nel dettaglio si tratta della Tasmanian Achiever, unità di 20 anni (del 1999) di proprietà della società australiana Toll Shipping che ha subito un allungamento dello scafo nel 2004 e che ora è in rotta verso un cantiere navale turco dove verrà sottoposta a lavori di rinforzo dei ponti e diventerà ‘container fitted’ (vale a dire equipaggiata con alloggi twist lock per poter ospitare in coperta anche carichi containerizzati). 

Secondo la rivista di settore Shippax la nave sarà ribattezzata Jolly Express, batterà bandiera di Madeira flag e ad acquistarla formalmente è stata la società britannica Conglomerate Maritime Limited con la formula del noleggio a scafo nudo con obbligo d’acquisto (bare boat/hire purchase). Le cifre dell’affare non sono state rese note ma la richiesta del venditore per questa nave (così come per la gemella Victorian Reliance anch’essa in vendita) era di 13,5 milioni di euro.

Secondo quanto appreso da Ship2Shore l’ultimo acquisto, la Jolly Express appunto, da fine luglio verrà noleggiata alla Ignazio Messina & C. e verrà impiegata sulla rotazione fra Sud Italia e Tunisia (più precisamente fra Gioia Tauro, Napoli e Tunisi) in sostituzione della nave ro-ro MSC Bridge (la ex Ark Forwarder). Rispetto alla capacità attuale del servizio di circa 360 TEU la nuova unità della flotta Messina sarà in grado di imbarcare il doppio di container, oltre ai carichi rotabili.

Nicola Capuzzo

Stampa