APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
18/05/20 17:19

Moody's ritira il rating di Moby

Carenza di informazioni secondo l'analista finanziario, ma sarebbe stata la stessa compagnia del gruppo Onorato a mettere fine al rapporto con la società americana

Dopo l'ultimo declassamento di fine aprile, la società di analisi finanziaria Moody's ha preso una decisione ancor più drastica nei confronti di Moby, ritirando i rating della shipping company italiana.

Mood's spiega in una nota di aver ritirato tutte le valutazioni fino ad ora emesse sull'azienda del gruppo Onorato: il corporate family rating (CFR), il rating sulla possibilità di default e il rating sul corporate bond da 300 milioni di euro in scadenza ne, 2023, quotato alla Borsa de Lussemburgo.

Sono gli stessi parametri che solo poche settimane fa Moody's aveva declassato, facendo scendere il rating del gruppo da Ca-PD a C-PD/LD, quello corporate da Ca e C e il rating sulle obbligazioni da Caa3 a Ca.

Ora la decisione di ritirare tutte le valutazioni, dovuta al fatto – si legge nella nota della società di rating – che Moody's ritiene “di non avere più sufficienti informazioni, o comunque di non disporre di informazioni adeguate, per supportare il mantenimento del rating”.

Secondo quanto ricostruito da Ship2Shore, però, il ritiro del rating di Moby sarebbe diretta conseguenza di una scelta precisa dello stesso gruppo Onorato, che avrebbe sciolto il rapporto con Moody's, disdettando il contratto con cui una società di rating viene incaricata di svolgere le valutazioni. Resterebbe comunque ancora Standard & Poor's incaricata di redigere i rating della 'balena blu'.

Al di là delle ragioni che l'hanno generata, la mossa di Moody's arriva proprio mentre Moby, secondo diverse fonti, è impegnata in una trattativa con i principali creditori – bondholder e banche finanziatrici – per il raggiungimento di un accordo di ristrutturazione del debito ex art. 182bis della legge fallimentare. Accordo che tuttavia, al momento, non risulta essere stato ancora definito.

TAG : finanza
Stampa