APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
29/08/18 14:55

Moby accentra il cargo toscano a Livorno

La linea Piombino – Olbia resterà solo per i passeggeri. Onorato: “Non si perderanno posti di lavoro e il servizio sarà più efficiente, veloce e frequente”

L’allarme è partito dalla segreteria toscana del sindacato UGL: Moby dalla settimana prossima cancellerà la linea fra Piombino e la Sardegna (Olbia).

A gettare acqua sul fuoco, però, è intervenuto immediatamente Achille Onorato, amministratore delegato del gruppo cui fanno capo anche CIN Tirrenia e Toremar, presenza storica del porto piombinese (e dal dicembre 2017 terminalista in partnership con l’agenzia marittima Miele e la Compagnia Portuali), spiegando come la decisione riguarderà solo la parte cargo, che la compagnia vuole accentrare a Livorno (altro presidio forte del gruppo, presente come terminalista, in LTM e Porto Livorno 2000) per ragioni di economie di scala.

“La compagnia, per andare incontro alle mutate richieste di mercato, è obbligata a concentrarsi su Livorno” ha infatti puntualizzato Onorato, precisando però che “tale concentrazione non comporterà nessuna perdita di posti di lavoro. Anzi, il servizio sarà più efficiente, veloce e le frequenze saranno aumentate”. Per quel che riguarda i passeggeri, ha proseguito l’armatore, “la compagnia continuerà a mantenere un ingente numero di partenze da Piombino per la Sardegna, mentre il gruppo continuerà il suo piano di espansione e di creazione di posti di lavoro e di occupazione nella città di Piombino”.

Comunque preoccupata per eventuali ricadute occupazionali sull’indotto, UGL ha chiesto un incontro all’Autorità di Sistema Portuale di Livorno/Piombino, evidenziando come “la realizzazione delle nuove banchine a est della diga foranea (ancora in corso, ndr) avrebbe dovuto essere un crocevia importante per lo sviluppo del porto con i fondali a 20 metri; invece registriamo la perdita, in questo ultimo anno, sia di movimentazione commerciale che di quella turistica”.

A.M.

Stampa