English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
14/10/20 12:20

Lutto nella nautica genovese

È mancato Bruno Airoldi, Presidente della Ranieri Tonissi SpA

Il mondo della nautica e la città di Genova perdono un pezzo di storia con la scomparsa di Bruno Emanuele Airoldi, Presidente della Ranieri Tonissi SpA, mancato la scorsa domenica all’età di 88 anni, che ha lasciato la moglie Giovanna e i figli Ilaria e Alessandro, entrambi titolari in azienda.

Descritto da chi lo conosceva bene come “uomo solare e sorridente, capace di affrontare le difficoltà con un’ironia che lo ha sempre contraddistinto, grazie alle sue capacità tecniche ed imprenditoriali, l’Ing. Airoldi è stato capace negli anni di trasformare una piccola società, focalizzata agli albori sull’importazione di macchinari agricoli, in azienda tra le più affermate nel settore marino, con oltre 60 dipendenti”.

Ranieri Tonissi, fondatore dell’omonima ditta, avvia l’attività nel 1886 come importatore di macchine industriali. Nei primi anni del Novecento la rivoluzione industriale reclama e consuma sempre più energia e l’imprenditore si inserisce in questo nuovo mercato con l’importazione di motori alternativi sia a gas che a combustibile liquido.

Dal 1920 inizia la meccanizzazione in ambito marino; si guarda alle grandi navi ma anche alle imbarcazioni di cabotaggio e da lavoro, e la ditta genovese è presente nei motori diesel.

Dopo la sosta forzata della seconda guerra mondiale, l’Italia inizia la ricostruzione.

In azienda un grande impulso viene dal nuovo socio Ettore Airoldi, padre di Bruno,

La Ranieri Tonissi amplia il suo campo di lavoro grazie alla stretta collaborazione con la società tedesca MAN; questa sinergia porta ad un rapido successo perché l’azienda, capace di muoversi nei canali dell’importazione tedesca, è ben inserita nel mercato italiano tanto da poterne percepire le esigenze immediate.

Iniziano le forniture di grandi impianti diesel o vapore per la produzione di energia e quelle di attrezzature industriali quali gru portuali e per acciaieria, e contemporaneamente si sviluppa il settore marino con la fornitura di impianti di propulsione marina diesel, dalle grandi navi ai pescherecci e ai rimorchiatori, fino ai giorni nostri in cui prende importanza la commercializzazione dei motori high speed per il diporto, uno dei principali rami di business attuali della società.

Da gennaio 2014 l’attività si trasferisce nella nuova struttura sita all’interno del porto di Genova in Area Riparazioni Navali presso Porta Siberia a Calata Gadda dove, grazie alle competenze dei figli Ilaria ed Alessandro, sta continuando un percorso di crescita, affermandosi quale fiore all’occhiello dell’imprenditoria genovese.

Quest’anno Ranieri Tonissi SpA, per salvaguardare la salute dei propri dipendenti, ha scelto - con rincrescimento e per la prima volta - di non partecipare al 60° Salone Nautico di Genova.

Stampa