APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
04/12/07 21:37

La missione possibile di Nizzi da Terni all’Europa

Evoluzione strategica da azienda famigliare a vettore all-around dalla gomma all’intermodale, che ha saputo fare di necessita' virtu'

Crescere e diversificare le competenze per emergere - o quantomeno non soccombere, considerate le difficolta' oggettive legate al mercato ed al territorio - e' il credo da sempre applicato, in oltre quarantanni di attivita', dalla Nizzi Srl, azienda di autotrasporto umbra che dalla gomma ha saputo ampliare l’offerta di servizi all’ambito intermodale ed alla logistica, compresi i trasporti eccezionali.
“Tenendo sempre un occhio al bilancio e l’altro all’innovazione, abbiamo raggiunto uno standard europeo nel trasporto dando ai clienti la possibilita' di soluzioni diversificate e di elevata flessibilita'” conferma Filippo Arcidiacono, direttore commerciale e nipote del Presidente Pierluigi Nizzi, che guida la societa' insieme alle figlie Elena e Marina.
La sede di Terni dispone di un’area attrezzata e recintata di 11.000 mq, dotata di moderni dispositivi antifurto e di videocontrollo collegato in modo permanente a centrali di vigilanza. Il magazzino di 4.000 mq coperti e' equipaggiato di 2 carroponti con portata di 25 tonnellate e con gru e fork-lift. In sintesi, una struttura logistica che offre soluzioni accurate e sicure per le operazioni di trasbordo, stoccaggio e magazzinaggio di ogni tipo di merce.
“Le nostre scelte in alcuni casi sono state obbligate, considerando la posizione geografica nel centro Italia e la modesta dotazione infrastrutturale della nostra regione. Cosi, dai trasporti tradizionali su gomma abbiamo cominciato ad esplorare nuovi sistemi e tecnologie investendo in settori come l’intermodale ed il trasporto combinato gomma-rotaia-mare, con attrezzature di nuova concezione ed un approccio che non prevede necessariamente il trasporto convenzionale ma facendo volano verso un porto, una stazione ferroviaria o una piastra logistica. Cio' ci permette di abbattere i costi e di sfruttare i nostri veicoli piu' razionalmente”.
Nelle parole di Arcidiacono anche una critica, per nulla velata, alla programmazione territoriale. “In passato, come spesso ama sottolineare il nostro titolare, abbiamo pagato un rallentamento nello sviluppo anche a causa dell’immobilismo regionale. Servirebbero terminal attrezzati per il carico di casse mobili e semi-rimorchi in modo da accentrare nell’area di Terni quantita' utili per muovere un treno-blocco, con ovvi sgravi di traffico. Al momento il terminal piu' vicino e' Pomezia (Roma), distante 130 chilometri e con il sempre trafficato raccordo anulare di mezzo”.
Sin dalla nascita nel 1965 la Nizzi e' impegnata nel trasporto su strada di prodotti metallurgici, siderurgici, chimici, cementieri, alimentari ed altri. “L’intraprendenza e le capacita' dei soci fondatori e dello staff dirigenziale hanno trasformato una piccola azienda in una realta' nazionale ed internazionale di spessore capace di costruire una solida organizzazione che ha cercato il continuo miglioramento di prestazioni e risorse, evolvendosi nei prodotti tenendo il passo col progresso delle tecnologie. Cio' che ispira massimamente la nostra attivita' quotidiana e' la grande volonta' di crescere e l’ambizione di poter superare nuovi traguardi, seguendo un programma di costante potenziamento logistico, tecnologico e di qualita' globale”.
Il parco veicolare e' composto da 60 trattori e oltre 150 semirimorchi (taut-liner con fosse portacoils, ribaltabili , autocisterne), piu' di 300 casse mobili di proprieta' da 7.15 metri tutte con fosse portacoils e portate sino a 30 tonnellate.
“Abbiamo pure veicoli eccezionali. Tutti i mezzi della flotta sono muniti di sistema satellitare che consente il monitoraggio continuo e quindi maggiore sicurezza per le merci. Siamo in grado di servire qualsiasi destinazione garantendo in tempi brevi ritiri su tutto il continente, anche nell’ambito dei trasporti speciali e per tutti i Paesi dell’est europeo” precisa Arcidiacono che indica le destinazioni piu' ricorrenti. “Il nostro business per il 30% punta all’estero, in Spagna e Germania (settore automotive) e verso Est (Re­pubblica Ceca, Polonia, Romania, Ungheria). Siamo uno dei princi­pali clienti della Grimaldi per i carichi in partenza dai porti di Genova e di Civitavecchia verso la Spagna, dove abbiamo nostro personale diretto per la gestione delle consegne e dei ritiri”.
Il gruppo - composto dalle societa' Nizzi, Nitras e Sicet - oltre alla sede centrale di Terni, comprende le filiali di Piombino e Taranto, e nel 2007 riportera' un fatturato di oltre 20 milioni di euro.

A.S.

Stampa