APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
10/10/18 16:55

L’Eni firma un contratto con Maersk per attività offshore a Timor Est

Noleggiato per 2 mesi (con opzione per altri 2) il rig semi-sommergibile Maersk Deliverer, che scaverà un pozzo esplorativo al largo del paese asiatico

Arriva da San Donato Milanese un nuovo importante incarico per il Maersk Deliverer, rig semi-sommergibile di proprietà di Maersk Drilling, la società del gruppo danese AP Moller-Maersk specializzata in attività di esplorazione e perforazione offshore che molto probabilmente nel futuro prossimo verrà quotata in Borsa.

Eni e Mersk Drilling hanno infatti firmato un contratto di noleggio per il Deliverer, che la corporation italiana utilizzerà per lo scavo di un pozzo esplorativo nell’area JPDA 11-106 Joint Venture, nell’offshore di Timor Est.

Attualmente il Maersk Delivery, costruito nel 2009 e in grado di perforare in acque profonde fino a 3.000 metri, si trova ormeggiato a Labuan, in Malaysia, dallo scorso marzo, quando aveva terminato una campagna di perforazioni in Far East.

L’incarico assegnato da Eni prevede lo scavo di un singolo pozzo a partire da marzo 2019, attività che dovrebbe durare circa 2 mesi. Il contratto prevede però un’opzione per lo scavo di un secondo pozzo esplorativo, per ulteriori 2 mesi di lavori.

“Siamo molto contenti di poter contribuire al programma di esplorazioni dell’Eni. E’ una grande opportunità per il Maersk Deliverer” ha detto Morten Kelstrup, CCIO di Maersk Drilling.

Nell’ambito del contratto appena siglato, Maersk si è impegnata a utilizzare una quota di forza lavoro locale e ad affidarsi a fornitori locali per l’approvvigionamento dei materiali necessari alle attività di perforazione del pozzo per conto dell’Eni, con lo scopo di favorire lo sviluppo dell’economia locale.

Il ‘cane a sei zampe’ è presente nel settore upstream di Timor Est dal 2006, ed è operatore della JPDA 11-106 PSC, con un interesse del 40,53%, in joint venture con INPEX Offshore Timor-Leste Ltd, con il 35,47%, e Timor GAP PSC 11-106 Unipessoal Limitada (TimorGap), con il 24%.

TAG : offshore
Stampa