APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
12/07/16 15:15

In liquidazione la genovese Mercury Shipbrokers

La società di brokeraggio navale alza bandiera bianca di fronte alla crisi dello shipping dopo un difficile inizio di 2016

Bravo Group - Bravo Tankers - Bravo Chem - Mercury Shipbrokers - Imarex Italia sign NC

La crisi di mercato che in questa prima metà di 2016 non ha dato tregua a larga parte dei segmenti di business dello shipping ha condannato un’altra società di brokeraggio navale genovese. Dopo lo spacchettamento avvenuto l’anno scorso dei rami dry bulk e tanker di Genoa Sea Brokers, ora è la volta della Mercury Shipbrokers che da qualche giorno è stata formalmente messa in liquidazione.

La società controllata da Bravo Tankers e partecipata da alcuni dei broker più esperti che lavorano in azienda aveva chiuso il bilancio d’esercizio 2015 con un lieve utile pari a 68.852 euro e ricavi in crescita a 1,1 milioni di euro, mentre il 2014 si era chiuso con una perdita di 463.751 euro a fronte di entrate pari a 637 mila euro. I crediti di Mercury Shipbrokers, uno degli aspetti più delicati per le società di brokeraggio navale in questa fase di mercato, sono rimasti pressoché stabili intorno al mezzo milione di euro (499.840 euro a fine 2015).

A far propendere i vertici della società per la liquidazione è stato però il pessimo inizio di 2016 che riflette un andamento di mercato fatto (soprattutto nel dry bulk e nei container) di cancellazioni di ordini, zero investimenti e poca compravendita sull’usato. Nel verbale dell’assemblea degli azionisti riunitasi lo scorso 5 maggio si legge infatti che «il bilancio intermedio al 31.03.2016 chiude con una perdita di euro 130.492 che riduce il patrimonio netto a un valore negativo pari a euro 1.640 sicché si rende applicabile il disposto dell’art. 2482 ter cod. civ.”. In questi casi o i soci decidono di iniettare liquidità per ricapitalizzare la società o si procede alla liquidazione come avvenuto con atto registrato nei giorni scorsi e incarico di liquidatore affidato al commercialista genovese Pietro Grondona. 

Non è chiaro (e questo probabilmente verrà chiarito dall’azienda a brevissimo) se questa messa in liquidazione comporterà degli esuberi di personale o se invece, come pare, lo staff di Mercury Shipbrokers verrà assorbito dal Gruppo Bravo proseguendo in qualche maniera l’attività di brokeraggio anche nella compravendita navale.

Nicola Capuzzo

Stampa