APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
10/05/19 08:46

In arrivo ancora un tug turco per Rimorchiatori Laziali

Con il Sea Rock, che sarà consegnato da Bogazici entro la fine del mese, si chiude il recente ciclo di investimenti della compagnia di Civitavecchia

Si chiuderà alla fine di maggio l’ultimo ciclo di investimenti avviato dal gruppo Cafimar per la flotta della sua controllata Rimorchiatori Laziali. Entro la fine del mese la compagnia, che effettua il servizio di rimorchio a Civitavecchia, riceverà infatti dal cantiere turco Bogazici, che lo sta costruendo e lo ha varato lo scorso 18 aprile, il Sea Rock, tug con propulsione ASD, LOA di 30 metri e tiro a punto fisso di 70 tonnellate.

Un mezzo piuttosto simile, per caratteristiche tecniche, al Marcandrea, unità (pure ASD, lunga 32,5 metri e con 70 tonnellate di bollard pull) consegnata dallo stesso stabilimento nel 2016 alla compagnia consorella (essendo entrambe, appunto, parte della galassia Cafimar) Somat, nonostante quest’ultimo sia stato progettato dalla spagnola Cintranaval Shipdesign, mentre il Sea Rock è un esemplare del modello RAstar 3000 di Robert Allan. Ad oggi il Marcandrea opera principalmente a Trapani (uno degli scali in cui è attiva Somat, insieme a Palermo, Termini Imerese, Marsala, elenco cui si è aggiunta di recente Porto Empedocle), nonostante recentemente sia anche stato impiegato per diverse settimane in Adriatico, al servizio di Saipem nella costruzione del TAP.

Sea Rock, che pure formalmente risulta ordinato da Somat, come detto sarà invece di casa a Civitavecchia: “Con questa consegna andiamo a chiudere quest’ultimo ricco ciclo di investimenti per Rimorchiatori Laziali”, spiega Alessandro Russo, AD del gruppo, ricordando che gli altri step del programma di rafforzamento della flotta della compagnia, ovvero la consegna del Laziale (lo scorso maggio) e più recentemente quella del Sansone (due mesi fa), costruiti sempre in Turchia ma da Sanmar. Come per il Sansone, anche in questo caso il nome è stato scelto tramite un concorso che ha coinvolto i ragazzi delle scuole medie di Civitavecchia (il vincitore, lo studente Simon Nicolaci, è stato premiato in occasione dell’ultima Giornata del Mare, lo scorso 11 aprile).

Se nuove iniziative in ambito marittimo a Civitavecchia sono per il momento escluse, Cafimar ha spiegato di voler continuare nello sviluppo dei servizi portuali, attività che conduce tramite la controllata Port Utilities, che recentemente ha anche installato colonnine per la ricarica di veicoli elettrici nelle aree del porto. La società, ha spiegato Russo, sta lavorando a nuove offerte in ambito “elettrico e idrico”, senza tuttavia svelare al momento ulteriori dettagli.

Francesca Marchesi

 

TAG : Rimorchio
Stampa