APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
11/07/18 16:53

Il MIT verserà a breve i contributi dovuti a SNS

Malgrado non siano state risolte le problematiche sulla certificazione antimafia, il sottosegretario Villarosa assicura la ripresa dei pagamenti che permetteranno ai dipendenti di Caronte di ricevere gli stipendi arretrati

Caronte&Tourist potrà riprendere a pagare con regolarità gli stipendi ai suoi dipendenti.

Questo, almeno, è ciò che è lecito attendersi data l’autorevolezza della fonte, il sottosegretario del Ministero dell’Economia Alessio Villarosa, che ha spiegato che “i pagamenti alla Società di Navigazione Siciliana sono in dirittura di arrivo, auspico che tutte le compagnie possano regolarizzare tutto”.

Il riferimento è alla recente decisione di Caronte&Tourist di ribaltare sui dipendenti il ritardo da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nell’erogazione a SNS delle prime tranche dei contributi per la continuità territoriale (56 milioni di euro annui) dovuti in ragione della convenzione con la compagnia erede di Siremar, joint venture paritetica fra Caronte&Tourist e Liberty Lines (che ha invece continuato a pagare la totalità degli stipendi ai suoi dipendenti).

Sul tema il MIT ha mantenuto e continua a mantenere il più stretto riserbo, ma Villarosa, pur facendo capo ad altro Ministero, sostiene di aver “appurato che i ritardi erano legati alle difficoltà nelle acquisizioni dei vari certificati antimafia”, come riportato da Ship2Shore, anche se il sottosegretario non ha fornito ulteriori dettagli sulla natura di tali difficoltà (la “acquisizione” è da imputarsi alle modifiche nel management di Liberty seguite al suo commissariamento).

Ancora più interessante sarebbe sapere da Villarosa, cui abbiamo sottoposto per ora invano il quesito, per quali ragioni le succitate problematiche “non siano ancora state superate” e come mai, malgrado tale impasse, il MIT abbia comunque stabilito di “rendere esecutivi i provvedimenti di pagamento”.

A.M.

Stampa