APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
01/07/19 18:13

Hyundai entra, a sorpresa, in The Alliance

Dopo i tentativi dei mesi scorsi di rafforzare il legame con Maersk e MSC (2M), il liner sudcoreano ha decisamente cambiato schieramento aderendo al sodalizio costituito da Hapag-Lloyd, ONE e Yang Ming

Il recente viaggio europeo del neo nominato presidente e CEO di Hyundai Merchant Marine Jae-hoon Bae, che lo scorso aprile si era recato a Londra con l’obbiettivo dichiarato di incontrare gli stakeholder europei e consolidare la relazione con Maersk Line ed MSC, i membri della 2M con cui il liner sudcoreano aveva una sorta di collaborazione esterna, non ha – evidentemente – avuto i risultati sperati.

Tanto è vero che nelle ultime settimane si è verificato un drastico cambio di scenario: invece che entrare stabilmente a far parte del sodalizio tra i primi due carrier del mondo nel settore container, come era stato più volte ipotizzato in passato, Hyundai ha infatti annunciato di essere in procinto di diventare un ‘full member’ di The Alliance, la maxi-alleanza costituita nel 2017 da Hapag-Lloyd, ONE (i tre carrier giapponesi NYK, MOL, “K”Line) e Yang Ming.

Hyundai, in forza ai documenti firmati lo scorso 19 giugno a Seoul, entrerà a far parte di The Alliance a partire dal 1° aprile 2020, e ci resterà almeno fino al 2030. Ovviamente l’efficacia dell’accordo è subordinata alla necessaria approvazione da parte delle competenti autorità antitrust.

“HMM è un importante ingresso per The Alliance, visto che la compagnia porterà un consistente numero di navi moderne, che ci consentiranno di migliorare ulteriormente la qualità dei servizi offerti riducendo contemporaneamente le emissioni” ha commentato Rolf Habben Jansen, CEO di Hapag-Lloyd.

Hyundai Merchant Marine ha in ordine 12 navi portacontainer da 23.000 TEUs che verranno consegnate nel secondo trimestre del 2020 e saranno impiegate sulle rotte tra Far East e Nord Europa, mentre altre 8 unità da 15.000 TEUs entreranno a far parte della flotta del liner asiatico nel secondo trimestre del 2021.

“Siamo molto contenti di poter accogliere HMM in The Alliance: il loro ingresso ci consentirà di migliorare i servizi e la copertura dei porti, rafforzando l’offerta e la frequenza dei collegamenti” ha aggiunto Jeremy Nixon, CEO di ONE.

Soddisfatto anche Bronson Hsieh, Chairman e CEO di Yang Ming, e ovviamente il numero uno di Hyundai Merchant Marine Jae-hoon Bae, che ha dichiarato: “Entrare ufficialmente in The Alliance ci riempie di orgoglio. Siamo convinti che sarà un’operazione di successo, che creerà valore per i clienti, i dipendenti e gli azionisti, combinando tra loro esperienze, competenze e flotte moderne e competitive”.

 

 

TAG : container
Stampa