APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
03/03/16 17:30

Grimaldi Napoli compra una nave ‘americana’ per la Sardegna

Il gruppo partenopeo si sarebbe assicurato il ro-pax Bimini Superfast, attualmente operativo tra Miami e le Bahamas

Bimini Superfast FB

L’obbiettivo è esplicito e pubblicamente dichiarato: il gruppo Grimaldi Napoli intende raggiungere al più presto uno quota di mercato del 50% nei collegamenti marittimi merci e passeggeri con la Sardegna, a discapito soprattutto di Moby e Tirrenia. Gli strumenti sono costituiti dalle nuove linee già lanciate e anche, nonostante la notevole dotazione di mezzi, da un ulteriore ampliamento della flotta.

Secondo fonti di mercato, infatti, l’armatore partenopeo si sarebbe recentemente assicurato – per circa 65 milioni di dollari – un nuovo ro-pax da posizionare proprio sulle rotte sarde. Si tratta nello specifico del Bimini Superfast, ro-pax di proprietà del gruppo alberghiero Resort World Bimini, che lo impiega per trasportare i propri clienti da Miami al suo resort nella baia di Bimini, alle Bahamas.

Costruito nel 2001 dal cantiere Howaldtswerke-Deutsche Werft di Kiel, in Germania, con il nome Superfast VI, per la compagnia greca Superfast Ferries (Gruppo Attica), il traghetto acquisito da Grimaldi è in grado di trasportare 1.608 passeggeri e ha una capacità di 1.926 metri lineari di carico rotabile. L’armatore ellenico lo ha utilizzato nei collegamenti adriatici, con scali anche ad Ancona, fino al 2013, per poi cederlo alla statunitense Resort World Bimini.

Resta da capire se il gruppo napoletano intenda posizionare questo nuovo mezzo su rotte già esistenti o se l’acquisizione del Bimini Superfast possa essere una mossa propedeutica all’avvio di ulteriori linee sulla Sardegna, prospettiva che non si può escludere alla luce di citati propositi di espansione tirrenica di Grimaldi, da mesi impegnato in una battaglia a tutto campo (commerciale ma anche istituzionale) con l’armatore concorrente Vincenzo Onorato.

 

Francesco Bottino

TAG : ferry
Stampa