APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
11/02/08 21:40

Finita la stagione Del Fungo Giera

Chiude i battenti e riapre con una nuova denominazione, cambiera' il risultato?

Non e' arrivata al panettone la mission ferroviaria di Del Fungo Giera.
Sembra infatti che risalga gia' allo scorso dicembre il fallimento (formale o pratico che sia, l’ufficio stampa dell’azienda non ha ‘potuto’ comunicarlo…) di una delle piu' importanti imprese ferroviarie operative sul mercato italiano da quando e' stata avviata la liberalizzazione.
Rimasta indietro con i pagamenti del personale e dopo aver rinunciato alla consegna di alcuni locomotori (di cui uno ordinato alla Siemens) per manifesta instabilita' finanziaria, e' stata messa la parola ‘fine’ all’avventura imprenditoriale dell’azienda livornese, che aveva commissionato quattro ottime macchine E-474 (di cui solo tre consegnate, la quarta e' stata venduta alle Ferrovie Nord Cargo) piu' altre quattro D.G 2000, che alla fine sono rimaste due. Secondo quanto si vocifera tra i lavoratori, sembra fossero stati messi anche i sigilli ad alcune locomotive per ritardi nei pagamenti.
Il fallimento sembra essere legato al crescente indebitamento conseguente ad una scarsa redditivita' derivante dal fatto che, mentre altri operatori trasportavano ad ogni viaggio fra le 15 e le 20 cisterne, Del Fungo Giera formava convogli da non piu' di 6 o 8 tanktainer. A parita' di costi, tali inefficienze finivano per ripercuotersi inevitabilmente sul bilancio d’esercizio causando ritardi nei pagamenti ed una diaspora dei dipendenti che non si e' fatta attendere. Molti macchinisti e personale di servizio sono gia' emigrati cercando fortuna presso altre societa', fra cui Rail Traction Company ed SBB Cargo. E pensare che appena pochi mesi fa (estate 2008) DFG aveva bandito un concorso per la ricerca di personale (20 allievi per corso da capotreno, 25 per corso da macchinisti, 5 responsabili attivita' portuali ed anche 5 ingegneri) da arruolare presso le proprie strutture.
Ma, come spesso accade in queste vicende, non si fa tempo ad attendere la scomparsa di una societa' che gia' s’intravvede la sostituta. Anche Del Fungo Giera sembra essere rinata col marchio IFI (Impresa Ferroviaria Italiana); molti dei servizi persi sono passati a Serfer tranne il collegamento fra Novi Ligure e Chiasso, passato nelle mani di SBB Cargo Italia. IFI riparte con l’incarico per la nuova relazione Latina–Domodossola per il trasporto di casse mobili dello spedizioniere internazionale Hangartner.

Nicola Capuzzo

Stampa