APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
10/05/18 15:47

Fincantieri vara ad Ancona la Viking Jupiter

E’ la sesta unità realizzata dal gruppo italiano per la compagnia Viking Ocean Cruises. A breve l'acquisizione del cantiere croato 3 Maj

Varata ad Ancona la Viking Jupiter, sesta nave che Fincantieri sta costruendo per la compagnia Viking Ocean Cruises.

All’evento tenutosi nello stabilimento marchigiano del gruppo, che ha previsto anche la tradizionale ‘coin cerimony’, hanno preso parte l’armatore Torstein Hagen, Presidente di Viking, e Giovanni Stecconi, Direttore del cantiere, mentre madrina della newbuilding è stata Sissel Kyrkjebø, affermata cantante norvegese.

Ora – spiega Fincantieri in una nota – inizierà la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna prevista nel 2019

La Viking Jupiter, che come le altre unità della compagnia è dotata dei più moderni sistemi di sicurezza, compreso il “Safe return to port”, e di tutte le più avanzate tecnologie per il risparmio energetico e tutela dell’ambiente, si posizionerà nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni. Come le navi gemelle, avrà una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, sarà dotata di 465 cabine e potrà ospitare a bordo 930 passeggeri.

La prima della serie, Viking Star, è stata realizzata nel cantiere di Marghera e consegnata nel 2015, mentre le successive Viking Sea, Viking Sky e Viking Sun, entrate nella flotta dell’armatore nel 2016 e 2017, sono state costruite ad Ancona, così come la quinta unità, Viking Orion, che sarà completata fra poche settimane. Altre 10 unità, compresa quella varata oggi, prenderanno il mare dagli stabilimenti italiani tra il 2019 e il 2027, mentre recentemente la controllata di Fincantieri, Vard, ha firmato una lettera d’intenti per la progettazione e costruzione di due navi da crociera speciali che saranno realizzate nei suoi cantieri norvegesi.

Fincantieri pronto a rilevare il controllo del cantiere croato 3.Maj

La stampa croata è tornata ad ipotizzare in massa l’ingresso di Fincantieri nella cantieristica locale.

Ufficializzata dal gruppo Uljanik, poche settimane fa, la decisione di accogliere nel proprio azionariato – al fine di trovare risorse fresche per il rilancio dei propri impianti – la connazionale Kermas Energija, proprietaria del cantiere Brodotrogir, nei giorni scorsi sarebbe stato il direttore generale Gianni Rossanda, interloquendo con alcuni rappresentanti sindacali, a spiegare come, per quel che riguarda il cantiere 3 Maj di Rijeka, nel giro di poche settimane l’italiana Fincantieri ufficializzerà l’operazione di acquisizione del controllo.

Si tratta di un pacchetto azionario dell’88% e, già completata la due diligence, l’operazione dovrebbe chiudersi completamente in ottobre. Nessun commento da Fincantieri, che negli scorsi mesi aveva negato l’interesse ad entrare nel capitale di Uljanik (cosa che non è effettivamente avvenuta) e che nelle ultime settimane è al centro di diverse indiscrezioni su presunte acquisizioni (di quote, fra gli altri, del romeno Mangalia e del genovese Mariotti), dovute a un portafoglio ordini bisognoso di spazi di costruzione, oggi apparentemente insufficienti.  

TAG : Cantieri
Stampa