English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
29/06/20 19:00

Fincantieri-Chantiers de l’Atlantique, taglio della lamiera per la prima sezione di prua

Aspettando l’ok dell’UE sul merger, i due gruppi danno il via alla collaborazione nel progetto franco-italiano FLOTLOG

Aspettando il verdetto della Dg Competition della Commissione Europea, la cui indagine sul merger risulta ancora in stad-by, Fincantieri e Chantiers de l’Atlantique (ex STS) danno il via ad una collaborazione nell’ambito del programma FLOTLOG (‘Flotte loqistique’), che prevede la costruzione di quattro navi di supporto logistico (LSS) per la Marina francese da parte del consorzio temporaneo formato dal cantiere francese e Naval Group nell’ambito del programma franco-italiano LSS guidato da OCCAR (Organizzazione per la cooperazione congiunta in materia di armamenti) per conto di DGA, la Direzione generale per gli armamenti francese, e della sua controparte italiana NAVARM.

Presso lo stabilimento di Castellammare di Stabia si è svolto nei giorni scorsi il taglio lamiera della prima di quattro sezioni di prua, appunto per altrettante unità di supporto logistico LSS (Logistic Support Ship) ordinate a Fincantieri da Chantiers de l’Atlantique. Le sezioni saranno costruite tutte nel medesimo cantiere, con consegne programmate tra il 2021 e il 2027.

“Questa collaborazione tra Chantiers de l’Atlantique e Fincantieri è parte della più ampia alleanza tra Italia e Francia in materia di navi di superficie. Il progetto LSS, al pari di quello delle altre unità del programma pluriennale per il rinnovamento della flotta della Marina Militare Italiana, è caratterizzato da un altissimo livello di innovazione che rende la nave estremamente flessibile nei diversi profili di utilizzo con un elevato grado di efficienza. La LSS coniuga capacità di trasporto e trasferimento ad altre unità navali di carichi liquidi (gasolio, combustibile avio, acqua dolce) e solidi (parti di rispetto, viveri e munizioni)”, informa una nota del gruppo triestino.

Stampa