APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
10/05/19 11:38

Esplosione a bordo di una nave di Saipem nel Mar Caspio

L’incidente è avvenuto sulla Israfil Huseynov, posa-tubi di proprietà della compagnia azera ACS ma operata dal contractor italiano

E’ pesante il bilancio dell’incidente avvenuto ieri sera a bordo della nave posa tubi Israfil Huseynov, operata da Saipem per la posa di tubazioni nel Mar Caspio nell’ambito del progetto Shah Deniz II.

In base a quanto riferito dalla società di San Donato Milanese, infatti, ieri sera si è verificata un’esplosione a bordo del mezzo che ha causato il ferimento di 14 persone, tutti dipendenti di Saipem, di nazionalità italiana, inglese, azera, rumena, malese e croata. Nelle prime ore della mattina sono state completate le operazioni di trasporto in ospedale dei feriti, sette dei quali si trovano in terapia intensiva a causa delle ustioni riportate.

L’incidente è avvenuto nel corso della manutenzione di un macchinario durante le operazioni di posa di tubazioni, ha spiegato Saipem, che ha poi espresso “vicinanza ai dipendenti coinvolti e alle loro famiglie”. L’azienda assicura che “continuerà ad adoperarsi per l’immediato rimpatrio dei feriti più lievi e per il trasferimento degli altri in centri medici specializzati”.

La Israfil Huseynov è una nave posa tubi costruita nel 1990 e battente bandiera dell’Azerbaijan, di proprietà della compagnia azera Azerbaijan Caspian Shipping (ACS).

TAG : offshore
Stampa