APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
12/07/18 09:15

Economou rinuncia alla sua giovane flotta gasiera

Dryships vende tutte le sue 4 Very Large Gas Carriers appena costruite in Corea compresi i noleggi

DryShips Inc. ha annunciato una serie di vendite di navi, tra cui le sue 4 moderne gasiere di nuova costruzione (VLGC) da 51.850 dwt - Aisling (2017), Anderida (2017), Mont Fort (2017), Mont Gele (2018), compresi i contratti di noleggio a lungo termine esistenti per ciascuna nave (salvo il consenso dei noleggiatori), con consegna prevista agli acquirenti durante il terzo trimestre del 2018.

Il poker era stato costruito a Hyundai, in Corea del Sud, con la prima nave consegnata a giugno 2017; i quattro contratti, del valore complessivo di circa 330 milioni di dollari, sono stati acquisiti a ‘costo zero’ da Dryships dalla sua controllata TMS Cardiff.

Secondo quanto riferisce la stampa internazionale, George Economou, Presidente e Amministratore delegato, ha rinunciato al suo piano - annunciato all'inizio del 2018 - di creare una nuova società dedicata specializzata nel settore del gas come spin-off. Il nuovo veicolo sarebbe stato controllato al 51%, lasciando il 49% agli azionisti pubblici, rastrellando denari in Borsa. Ma ora il magnate greco ha ritirato il piano di quotazione che era stato depositato presso la SEC a New York.

Altre mosse annunciate contestualmente dalla compagnia di navigazione includono un accordo con acquirenti estranei al gruppo per la vendita delle sue due più vecchie bulker Panamax, costruite nel 2000, e l'entrata in time charter indicizzato per la bulk carrier Newcastlemax recentemente acquisita con una società di proprietà dello stesso Economou.

Al 10 luglio l'operatore greco ha una flotta di 36 navi comprendente 11 bulker Panamax; 5 bulker Newcastlemax; 5 bulker Kamsarmax; 1 VLCC; 2 petroliere Aframax; 2 petroliere Suezmax; 4 VLGC (quelle appena cedute); 6 navi di supporto offshore (incluse 2 piattaforme di rifornimento e 4 navi di recupero di petrolio).

Angelo Scorza

TAG : Gas Dryships
Stampa