English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
15/10/20 16:38

Diadema interrompe la crociera e torna a Genova

La nave di Costa, noleggiata a un tour operator francese, sta rientrando in Liguria per sbarcare i passeggeri “vista la situazione epidemiologica in Francia”. Contagi in Fincantieri dopo il varo della Firenze

Rientro anticipato a Genova dal porto di Napoli e fine della crociera nel Mediterraneo. Questa la decisione presa da Costa Crociere relativa alla Diadema, operata per conto di un tour operator francese e con a bordo solo passeggeri d’Oltralpe.

“In considerazione della situazione epidemiologica in Francia, abbiamo deciso di terminare anticipatamente la crociera in corso di Costa Diadema, che Costa sta operando per conto di un tour operator francese, con a bordo solo passeggeri francesi – riferisce una nota della compagnia del gruppo Carnival - Questa scelta responsabile è stata presa al fine di consentire un rientro in sicurezza dei passeggeri al loro Paese di origine e garantire la salute dei nostri equipaggi e delle comunità che visitiamo. La nave è attualmente in navigazione per fare rientro direttamente a Genova, il porto di arrivo dell’itinerario, dove è prevista attraccare venerdì 16 ottobre”.

L’arrivo nel porto del capoluogo ligure era originariamente previsto per giovedì prossimo, 22 ottobre. Lo scorso 12 ottobre, invece, erano stati gli uffici della Sanità Marittima di Genova a chiedere un tampone preventivo per tutti i membri dell’equipaggio, dopo che nei giorni precedenti sette passeggeri sbarcati a Palermo erano risultati positivi al test per il rilevamento del Coronavirus. Due situazioni comunque scollegate fra di loro, e infatti da piazza Piccapietra ribadiscono che la misura è stata presa “in via precauzionale per il rispetto delle normative, la tutela dell'ambiente, la salute, la sicurezza e il benessere dei nostri ospiti, delle persone e dei luoghi che visitiamo, e del nostro equipaggio”.

In Francia il quadro epidemiologico è in continuo peggioramento, con restrizioni alle attività che si stanno facendo sempre più serrate ora dopo ora. Il rischio, nel caso si fossero rispettati i tempi originariamente previsti, sarebbe stato quello di trovarsi con parecchie difficoltà per far sbarcare i passeggeri e permettere loro il rientro nel Paese d’origine.

Costa precisa infine che “le crociere di Deliziosa e Smeralda, che stanno effettuando rispettivamente itinerari nel Mediterraneo orientale e occidentale, sono confermate e proseguiranno regolarmente”.

Intanto, come riporta La Nuova Venezia, ci sarebbero sette contagiati fra dirigenti e operai di Fincantieri che, dopo il varo della Costa Firenze nello stabilimento di Marghera, hanno viaggiato sulla nave sino a Malta, dove l’unità sta svolgendo alcune verifiche prima del rientro in Italia.

Stampa