APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
26/03/20 11:59

CMA CGM completa la cessione di 10 terminal: in cassa quasi 1 miliardo di dollari

L'operazione, prevista da tempo, porta in dote alla compagnia francese liquidità molto preziosa per fronteggiare le conseguenze dell'emergenza coronavirus

CMA CGM ha completato la cessione di 10 terminal container alla società Terminal Link, joint-venture partecipata dallo stesso liner francese e dal gruppo cinese China Merchants Port (CMP): un'operazione prevista da tempo che però assume particolare importanza in questo difficile frangente, perchè porta nelle casse della corporation transalpina liquidità necessaria ad affrontare le conseguenze della pandemia di coronavirus.

Il deal, previsto nel piano già annunciato a novembre 2019, era stato delineato in dettaglio nel dicembre successivo e ora, a valle del 'via libera' di Bruxelles arrivato nei giorni scorsi, è stato formalizzato.

A fronte del passaggio a Terminal Link delle quote detenute da CMA CGM in 8 terminal container sparsi per tutto il mondo – Odessa Terminal (Ucraina), CMA CGM PSA Lion Terminal (Singapore), Kingston Freeport Terminal (Jamaica), Rotterdam World Gateway (Olanda), Qingdao Qianwan United Advance Container Terminal (Cina), Vietnam International Container Terminal (Vietnam), Laem Chabang International Terminal (Tailandia) e Umm Qasr Terminal (Iraq) – la compagnia francese riceverà infatti 815 milioni di dollari, tutti sotto forma di cash. Nei prossimi mesi, con l'approvazione da parte delle autorità competenti, dovrebbe concludersi anche il passaggio di proprietà degli ulitmi 2 terminal, che porterà in dota altri altri 150 milioni di dollari.

Liquidità che contribuirà alla raccolta di 2,1 miliardi di dollari, come previsto dal piano dello scorso novembre, mirato a ridurre il debito del gruppo di 1,3 miliardi di dollari entro metà 2020, ma che servirà anche a rafforzare la situazione finanziaria e la dotazione di cassa di CMA CGM, essenziale per fronteggiare l'impatto dell'epidemia in corso sul commercio internazionale e, quindi, sui trasporti marittimi.

“Se infatti la crisi generata dal coronavirus avrà un impatto modesto sui conti del primo trimestre 2020 – scrive CMA CGM nella sua nota – ci aspettiamo un declino dei volumi trasportati, specie di quelli in export da Europa e Stati Uniti”.

“Il closing di questa operazione, annunciata lo scorso 20 dicembre, è un passo importante del nostro piano per raccogliere 2,1 miliardi di dollari di liquidità, che ci consentirà di rafforzare la nostra posizione finanziaria” ha commentato Rodolphe Saadé, Presidente e CEO del gruppo CAM CGM. “Nonostante la situazione di grande incertezza generata dalla pandemia di Covid-19, il fatto di aver portato a termine questa transazione nei tempi previsti dimostra la nostra resilienza in questa situazione”.

 

TAG : container
Stampa