APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
16/05/18 06:00

Branson ‘bussa’ per la quarta volta alla porta di Fincantieri

Virgin Voyages avrebbe commissionato al cantiere italiano un’altra nave: come il terzetto originario sarà costruita anch’essa a Sestri Ponente, con consegna nel 2023

A pochi mesi di distanza dall’avvio dei lavori della prima nave da crociera di Virgin Voyages – celebrato da Richard Branson in persona, che lo scorso novembre è letteralmente ‘atterrato’ sul piazzale dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente, nell’ambito di una pirotecnica presentazione che ha visto la partecipazione della nota pop-star Boy George – le neonata shipping company fondata dal tycoon britannico avrebbe deciso di rafforzare ulteriormente il suo legame con il costruttore italiano.

Secondo quanto risulta a Ship2Shore, infatti, Virgin avrebbe firmato con Fincantieri l’ordine per la costruzione di una quarta unità, gemella delle prime 3, commissionate al gruppo pubblico italiano nel maggio 2015 (e formalizzate nell’ottobre dell’anno successivo) per un investimento di circa 666 milioni di euro a nave (2 miliardi complessivi). Le prime tre navi di Virgin Voyages, così come anche la quarta gemella, avranno una stazza lorda di 110.000 tonnellate, saranno lunghe 278 metri e avranno una capacità di 2.700 passeggeri in 1.400 cabine (l’85% delle quali con balcone vista mare). Saranno tutte realizzate a Sestri Ponente, con consegne schedulate rispettivamente nel 2020, 2021 e 2022.

La quarta unità, quella che sarebbe stata commissionata in questi giorni, dovrebbe essere invece consegnata nel 2023, garantendo almeno fino a quell’anno significativi carichi di lavoro per lo stabilimento genovese di Fincantieri.

Per quanto è possibile capire non si tratterebbe di un’opzione esercitata, bensì di un nuovo ordine vero e proprio, o quanto meno è questo quello che si può dedurre dal fatto che, in occasione delle comunicazioni ufficiali diffuse a ottobre 2016 in occasione della formalizzazione dei contratti con Virgin, Fincantieri aveva parlato solo della costruzione di 3 navi, senza appunto menzionare l’esistenza di alcuna opzione.

 

Francesco Bottino

TAG : crociere
Stampa