APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
30/07/18 14:29

Balearia convertirà a GNL cinque traghetti

Altri due progetti per unità a gas naturale liquefatto sono inoltre allo studio, ha detto il presidente della compagnia Adolfo Utor

Baleària prosegue con decisione sulla strada del GNL.

In attesa di ricevere i suoi primi due mezzi alimentati a gas naturale liquefatto in costruzione da Visentini (il primo dei quali in arrivo il prossimo febbraio), la compagnia spagnola ha annunciato la prossima ‘rimotorizzazione’ di cinque traghetti della sua flotta per renderli in grado di essere alimentati da questo carburante.

La trasformazione interesserà il Nápoles – il primo in ordine cronologico ad affrontare l’intervento, il prossimo inverno -, l’Abel Matutes (che già fa uso di gas naturale liquefatto come carburante per il motore ausiliario nelle manovre portuali e all’ormeggio negli scali di Palma e Barcellona, ndr), il Sicilia, il Bahama Mama e il Martín i Soler. Il progetto, che si concluderà nell’arco di due anni, richiede un investimento di circa 60 milioni di euro. Al momento non è stato reso noto il nome del cantiere (o dei cantieri) che si occuperanno degli interventi di conversione

Oltre a questa conversione, la compagnia spagnola guidata dal presidente Adolfo Utor, cui recentemente si è affiancato Ettore Morace nelle vesti di Direttore Generale, ha detto di avere allo studio “altri due progetti” che comprendono l’utilizzo di GNL e quindi, ha tirato le somme Utor, “entro tre anni avrà in flotta nove navi che fanno uso di questa energia”.

Un altro ordine per un mezzo a GNL (più un altro in opzione) era stato firmato da Balearia nel 2015 con La Naval, ma il relativo contratto è stato annullato all’inizio dell’anno per via delle difficoltà finanziarie in cui versava il cantiere.

TAG : Ferry
Stampa