APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
07/12/18 15:33

Addio al ‘decano’ degli armatori italiani

È scomparso a 96 anni Aldo Grimaldi, presidente di Grimaldi Holding

Se n’è andato questa mattina a 96 anni Aldo Grimaldi, il decano degli armatori italiani e figura fondamentale per tutto il settore.

Nipote di Achille Lauro, era nato a Solofra, in provincia di Avellino, nel 1922. Diplomato Capitano di Lungo Corso, si era poi laureato in Scienze Economiche e Marittime all’Università di Napoli, avendo però già alle spalle le prime esperienze in mare, compiute a bordo delle navi dello zio nei periodi di vacanze.  

Dopo la guerra, in cui aveva prestato servizio come guardiamarina, nel 1947 aveva fondato con i tre fratelli Luigi, Mario e Guido la Fratelli Grimaldi Armatori, la sua prima compagnia di navigazione, per la quale si occupava in prima persona sia della progettazione che della gestione delle navi della flotta. Dotata prima solo di navi da carico e poi passeggeri, la compagnia costituì il nucleo di quello che sarebbe poi diventato il Gruppo Grimaldi.

Nel 1991 l’ordine per la prima unità del progetto Grandi Navi Veloci, con cui aveva dato vita al concetto di cruise-ferry. Nel 1999 la società – unica all’epoca nello scenario dello shipping tricolore - si era quotata in Borsa per finanziare lo sviluppo della flotta, che nel 2003 raggiunge le 8 unità. Nel 2004 l’accordo con il fondo di Private Equity Permira con cui, attraverso un’OPA e successivo delisting, riprendeva il controllo sull’intero capitale della società, di cui resta presidente e amministratore delegato fino all’uscita definitiva della famiglia dall’azionariato nel 2008.

Nel 2005 tramite il nuovo progetto Grimaldi Holding aveva investito ancora una volta nell’armamento con l’ordine, del valore di oltre 500 milioni di euro, per 8 nuove cruise ferry, le Navi Blu, pensate per massimizzare la capacità di carico di merci e mezzi pesanti (ad oggi la sua flotta comprende le navi Energia, Forza e Tenacia).

Nella sua lunga carriera va ricordato anche il ruolo di presidente di Confitarma, assunto nel 1995 e mantenuto fino al 1997. Al suo mandato si deve l’avvio e l’impostazione del Registro Internazionale, poi definitivamente concluso e ratificato dal suo successore Paolo Clerici.

Numerosi anche i premi e le onorificenze di cui era stato insignito a riconoscimento della sua importante storia professionale: nel 2002 la nomina a Cavaliere del Lavoro, nel 2007 gli era stato assegnato il Premio BT - Assagenti quale uomo dell’anno dello shipping internazionale e, infine, nel 2011, il Cristoforo Colombo Award da Lloyd’s List.

Sposato con Eugenia Massa, Aldo Grimaldi lascia i figli Giovanni, Isabella e Alessandra, tutti presenti nel CdA di Grimaldi Holding.

 

 

TAG : Obituary
Stampa