APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
31/07/18 16:33

Via libera dell’AdSP genovese al salvataggio della Culmv

L’acquisto degli SFP avverrà in 3 anni. Ad Amico e Ucina la Darsena Nautica, rinnovate le concessioni di Polipodio e NBT

È stato approvato all’unanimità dal Comitato di Gestione dell’AdSP di Genova e Savona il piano industriale di riequilibrio, rilancio, sviluppo della Culmv, il fornitore temporaneo di manodopera del porto del capoluogo ligure.

Lo ha reso noto l’ente, spiegando come il piano poggi su tre pilastri: maggiore efficienza nel rispondere alle chiamate dei terminalisti, penali per i lavoratori che non rispettano le norme di sicurezza e risanamento dei conti. Determinante a quest’ultimo fine la sottoscrizione da parte dell’AdSP di 10,7 milioni di Strumenti Finanziari Partecipativi Culmv, secondo il regolamento pubblicato stamane da Ship2Shore. Tale sottoscrizione dovrebbe avvenire in tre anni: 2 milioni nel 2018, 3 nel 2019 e fino a 5 nel 2020. La cifra esatta dell'ultimo anno verrà però stabilita a valle della verifica del rispetto degli impegni concordati da parte della Culmv.

Il Comitato inoltre ha approvato all'unanimità l'assegnazione delle concessione della Darsena Nautica: Saloni Nautici (società controllata da Ucina, la Confindustria nautica) ha ottenuto il 40% degli spazi per 4 anni, mentre Amico&Co, cantiere di riparazioni, ha avuto in concessione il 60% degli spazi per 20 anni. È stata decisa una divisione funzionale delle aree, per garantirne l'utilizzo tutto l'anno e dare anche un respiro al cantiere che perderà spazi per fare posto alla Torre Piloti. La nuova configurazione della Darsena Nautica, secondo il presidente del porto Paolo Emilio Signorini, “garantisce una migliore valorizzazione del compendio durante tutto l'anno, maggiori investimenti sull'area, pari a oltre 6 milioni di euro sommando quelli programmati da I Saloni Nautici e da Amico & Co, e garantisce anche un'entrata in termini di canone, per l'Autorità, più che doppia rispetto a quanto avvenuto finora”.

Sono state rinnovate anche le concessioni di Polipodio, altra azienda attiva nel comparto delle riparazioni navali (fino al 2038), e di Nuovo Borgo Container Terminal, per ulteriori 4 anni.

Stampa