APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
02/05/19 18:26

Testi lascia Contship e resta alla guida di MCT

Il manager ricopriva anche il ruolo di responsabile ad interim di LSCT, che ora sarà assunto da Cecilia Battistello

Antonio Testi continuerà a guidare MCT, nonostante si sia già concluso anche formalmente il passaggio della quota detenuta da Contship nella società terminalistica a MSC (il closing dell’operazione è avvenuto lo scorso 18 aprile, ndr).

La notizia, riferita da alcune testate meridionali, trova conferma indiretta in una nota della stessa Contship, che annuncia la fine della collaborazione tra il manager e il gruppo a far data dallo scorso 30 aprile.

Testi lascerà dunque anche l’incarico di General Manager del La Spezia Container Terminal, che ricopriva da circa un anno, ad interim, dopo l’addio di Michele Giromini, e che sarà ora assunto direttamente dalla numero uno del gruppo, Cecilia Eckelmann-Battistello. Nella sua nota, Contship ha voluto ringraziare il manager “per il lavoro svolto e per la dedizione dimostrata nel cimentarsi su più obiettivi, augurandogli successo e soddisfazioni nel prosieguo della sua carriera”.

Il nome di Antonio Testi, va notato, è solo l’ultimo, in ordine di tempo, dell’elenco di top manager che hanno abbandonato il gruppo di Cecilia Battistello per dirigersi nelle braccia di MSC. Per il prossimo lancio della sua Medlog Italia, previsto nel 2020, il gruppo di Gianluigi Aponte ha infatti attinto a piene mani dalla classe dirigente dell’ex socio (in MCT, mentre i due sono tuttora partner in LSCT).
Tra i fuoriusciti diversi nomi di punta di Hannibal, Oceanogate e Sogemar, ovvero le società attive nei segmenti del trasporto ferroviario, stradale e intermodale di Contship. Ad oggi non risulta invece ancora nota la prossima destinazione professionale di Franco Nicola Cupolo, anch’egli invece specialista dell’ambito marittimo e già Group Managing Director Business Units & Sales del gruppo, fino all’addio a sorpresa di pochi mesi fa.

F.M.

Stampa