APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
14/05/20 19:00

Stazioni Marittime di Genova si gode i risultati del 2019 e nomina il nuovo CdA

Indicatori prevalentemente in positivo, aspettando la ‘doccia fredda’ del 2020. Solimena diventa Presidente, Monzani confermato Amministratore Delegato

Mentre dalle parti di Ponte dei Mille non si muove una foglia o giù di lì, visto lo stop quasi totale al trasporto passeggeri che impatterà in modo significativo sul bilancio trimestrale e su quello annuale, Stazioni Marittime di Genova si gode i numeri di un 2019 positivo sotto tutti i unti di vista, approvati dall’assemblea dei soci che ha anche nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione della società, che durerà in carica 2 anni e non presenta particolari rivoluzioni rispetto alla composizione del board uscente. Come Presidente è stato scelto il notaio Federico Solimena, già nel CdA, mentre nel ruolo di Amministratore Delegato è stato confermato Edoardo Monzani. Gli altri membri del Consiglio di Amministrazione, espressione (anche) dell’azionariato, sono Giacomo Costa e Franco Ronzi (‘uomini’ di MSC), Massimo Mura per Moby, Antonio Pedevilla per GNV, Petro Pellerano per Costa e Enrico Vergani per Tirrenia. Stefano Franciolini, Paolo Ravà e Antonio Rosina.

Tornando ai numeri, l’utile netto generato nel corso del 2019 è stato di 184.384 euro, mentre il fatturato, attestatosi a 25,2 milioni di euro, è risultato in crescita del 5% rispetto al 2018, con un flusso di cassa pari a 3,3 milioni di euro.

Il 2019 ha registrato 281 toccate nave con 1.349.370 crocieristi, di cui 711.500 home port e 637.870 in transito, in forte incremento rispetto al 2018 (+337.972 passeggeri).

I passeggeri di transito sono incrementati del 43% circa, confermando la tendenza in corso da tempo di un aumento progressivo della quota rappresentata dai crocieristi in transito, mentre i passeggeri home port sono diminuiti del 26% circa.

Sempre importante e maggioritaria la presenza di  MSC Crociere, che nel 2019 ha portato nei terminal genovesi 203 toccate con oltre 1.100.000 passeggeri, confermando la leadership del traffico crociere nel porto di Genova.

Di rilievo anche i numeri registrati da Costa, che ha scalato settimanalmente con una nave per l’intera stagione, portando un totale di 41 toccate e oltre 178.000 passeggeri.

Il traffico traghetti ha chiuso il 2019 con un discreto incremento rispetto all’anno precedente, ad eccezione del traffico commerciale: +4,24% i passeggeri, +4,31% le auto, +5,85% per le moto e -4,62% in termini di metri lineari. Rispetto al 2018 sono stati movimentati circa 88.274  passeggeri in più. La Sardegna ha registrato un significativo incremento pari a oltre 108.000 unità rispetto al 2018, mentre per contro le altre destinazioni hanno subito dei cali: la Sicilia ha registrato circa 11 mila passeggeri in meno, la Corsica 5 mila, il Nord Africa 4.800 circa.

Stampa