APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
30/08/17 23:15

Spinelli soccombe anche al Consiglio di Stato sulle aree di Cornigliano

Autamarocchi vince definitivamente il ricorso presentato per il rinnovo fino al 2018 dell’assegnazione di circa 60.000 mq da parte della Società per Cornigliano

L’area di Cornigliano occupata dai container vuoti gestiti da Spinelli

A oltre due anni di distanza dal pronunciamento sfavorevole al Gruppo Spinelli da parte del Tar della Liguria, anche il Consiglio di Stato ha dato ragione alla ricorrente Autamarocchi respingendo l’appello della stessa Spinelli e della Società per Cornigliano rendendo così esecutiva la sentenza n.413-2015 che ha riconosciuto la necessità di assegnare tramite gara le aree ex-Ilva a Genova oggi occupate dai container vuoti.

La vicenda nasce da lontano, precisamente da quando nel 2006 la Regione Liguria ha chiesto e ottenuto dall’imprenditore Aldo Spinelli di liberare le aree agli Erzelli dove sarebbe dovuto sorgere un nuovo parco tecnologico e scientifico offrendo in compensazione di poter insediare fino al 2010 le proprie attività di deposito e riparazione dei container vuoti su una porzione (circa 140.000 mq) delle aree precedentemente occupate dall’Ilva e bonificate. Mai però vennero effettivamente assegnate aree per 140.000 mq ma solo per circa 60.000 mq e si giunse dunque qualche anno più tardi (nel 2013) a una transazione (“davanti a un giudice” specifica oggi Roberto Spinelli) che ha previsto come compensazione un prolungamento dell’occupazione dell’area fino al 2018.

Proprio contro questo accordo compensativo e contro il conseguente prolungamento dell’occupazione delle aree ha presentato ricorso al tribunale amministrativo regionale Autamarocchi, avendo lei invece ottenuto nel 2014 risposta negativa a una richiesta di poter ottenere aree a Cornigliano (la motivazione fu che non vi erano aree disponibili per ulteriori utilizzi). 

Per questa ragione la società di autotrasporto triestina, concorrente della genovese Spinelli, ha presentato ricorso al tribunale amministrativo regionale mettendo nel mirino una “scrittura privata da trasferirsi in verbale di conciliazione giudiziale” stipulata dalla Società per Cornigliano (partecipata da Regione Liguria, Provincia e Comune di Genova) e dal Gruppo Spinelli con la quale venne esteso al 30 giugno 2018, con obbligo di riconsegna al 31 dicembre 2018, il periodo di validità del precedente rapporto di comodato oneroso di aree in zona portuale e vennero concesse ulteriori aree sempre a Spinelli. Secondo Autamarocchi, e a questo punto anche secondo la giustizia amministrativa, per assegnare quella proroga Società per Cornigliano avrebbe dovuto bandire una gara pubblica, cosa che invece non è stata fatta.

“Vinceremo il ricorso” aveva detto Aldo Spinelli all’indomani della sentenza del Tar Liguria arrivata nella primavera del 2015 ma così non è stato perché a nulla è valso appellarsi all’eccezione di difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, all’inammissibilità del ricorso di Autamarocchi e all’irricevibilità della impugnazione per tardività.

Il Tar della Liguria nel merito “ha ritenuto illegittima la proroga dell’assegnazione delle aree al Gruppo Spinelli in forza del contratto di transazione del 30.4.2013, disposta senza una previa gara pubblica, posto che la natura di organismo di diritto pubblico della Società per Cornigliano avrebbe dovuto imporre il ricorso alla procedura di evidenza pubblica per la riassegnazione di aree anche solo parzialmente liberate, senza distinguere, cioè, tra disciplina a regime ovvero provvisoria e temporanea della assegnazione”. Non solo: il tribunale amministrativo regionale ha anche “rilevato lo sviamento dell’azione amministrativa per avere, la Società resistente (Società per Cornigliano, ndr), assegnato al Gruppo controinteressato anche aree non attribuite nel 2006 elidendo con ciò ogni possibilità residua per i concorrenti di entrare nel mercato della logistica, costituendo l’ultima censura corollario di quelle precedenti”.

Due anni fa il Gruppo Spinelli aveva chiesto e ottenuto la sospensione dell’esecutività della sentenza impugnata ma che, dopo questo pronunciamento del Consiglio di Stato datato 20 luglio 2017, diventa invece esecutiva. Il Gruppo Spinelli specifica però che nella sentenza di primo grado del Tar Liguria c’è scritto che per il rinnovo dell’assegnazione di quei 60.000 mq di aree (dove oggi lavorano 70 dipendenti) Società per Cornigliano avrebbe dovuto fare una gara ma da nessuna parte è specificato che le superfici in questione vadano immediatamente liberate. “Cosa faremo nel caso dovessimo trovare un’alternativa? Me lo devono dire Regione Liguria e Comune di Genova visto che la gara a suo tempo era stata fatta da Società per Cornigliano”. Non dev’essere una coincidenza il fatto che ieri proprio a Cornigliano (al cosiddetto terminal Erzelli 2 del Gruppo Spinelli) sono andati in visita il governatore della Liguria, Giovanni Toti, e il sindaco di Genova, Marco Bucci.

Nicola Capuzzo

Andrea Moizo

 

Stampa