APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
05/02/20 11:16

Sbarcati a Oristano gli ultimi 4 serbatoi per il deposito GNL di Higas

I manufatti, realizzati da Gas and Heat a Livorno, hanno attraversato il Tirreno a bordo della nave specializzata Happy Dream della compagnia Big Lift

Sono già arrivati a Oristano gli ultimi 4 serbatoi criogenici destinati al deposito di GNL che Higas sta costruendo nel porto sardo e che dovrebbe essere pronto a ricevere la prima gasiera nel corso del prossimo mese di agosto.

I 4 tank, costruiti dalla livornese Gas and Heat, che è anche azionista di Higas (controllata da Avenir LNG, a sua volta un’alleanza di armatori del settore del gas lanciata da Stolt-Nielsen), sono salpati dal porto di Livorno nei giorni scorsi, a bordo della nave Happy Dover della compagnia specializzata Big Lift, dopo operazioni di carico che hanno visto l’imbarco su chiatta sul canale che costeggia lo stabilimento di Gas and Heat, l’ingresso nello scalo labronico e il trasbordo dei manufatti a bordo nave.

Giunti ieri (4 febbraio; ndr) a destinazione nel porto di Oristano, i serbatoi dovranno essere ora installati all’interno del sito di Higas, che avrà una capacità complessiva di 9.000 metri cubi e che sarà destinato a rifornire sia clienti terrestri via camion cisterna che clienti navali tramite bunkeraggio di GNL ship-to-ship via bettolina.

Tre dei serbatoio appena arrivati verranno ora installati all’interno degli appositi box in calcestruzzo, al fianco di altri 3 serbatoio identici già giunti a Oristano lo scorso settembre. Il quarto serbatoio sbarcato dalla Happy Dover, il settimo in totale, troverà posto invece all’esterno della ‘gabbia’ di cemento, e verrà collegato tramite apposite condotte al resto dell’impianto. Il suo compito è infatti quello di raccogliere il vapore che naturalmente si forma all’interno degli altri serbatoi, permetterne la ri-liquefazione e quindi il successivo reinserimento nel sistema.

Gas and Heat ha quindi confermato che i lavori, a Oristano, procedono secondo la schedula, e che il trerminal aprirà i battenti, con l’arrivo della prima metaniera, durante l’estate 2020.

 

Stampa