APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
07/05/19 17:52

Satta entra nel comitato di gestione genovese al posto di Parola

Il dimissionario componente dell’organo portuale entra a far parte della struttura tecnica di missione del MIT

Avvicendamento fra accademici nel Comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale: entra Giovanna Satta ed esce Francesco Parola come rappresentante della Regione. Quest’ultimo entra a far parte della Struttura Tecnica di Missione del Ministero dei trasporti.

Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Liguria che in una nota ha scritto di aver “firmato il decreto di designazione di Giovanni Satta quale componente di competenza regionale nel Comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale”.

Satta, ricercatore del Dipartimento di Economia dell’Università di Genova e del Cieli (Centro italiano di eccellenza sulla logistica, i trasporti e le infrastrutture) sostituisce come detto Francesco Parola, docente di Economia e gestione delle imprese di Trasporto, che ha rassegnato le dimissioni in quanto nominato tra i 14 esperti componenti della Struttura Tecnica di Missione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, organismo di indirizzo e pianificazione in materia infrastrutturale.

“Ringrazio il professor Parola per l’impegno profuso nell’ambito del Comitato di gestione dell’Autorità Portuale e rivolgo al professor Satta l’augurio di buon lavoro” sono state la parole di Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria.

Nel decreto di nomina si sottolinea che Satta è “persona idonea a ricoprire l’incarico in quanto esperta e qualificata nel settore dell’economia dei trasporti e portuale per l’attività di ricercatore presso l’Università degli Studi di Genova e con conoscenze acquisite in tali materie per gli incarichi ricoperti, le pubblicazioni e le funzioni di responsabile scientifico”. Secondo quanto previsto dalla legge 84/94, i membri del Comitato durano in carica per un quadriennio rinnovabile una sola volta.

N.C.

Stampa