APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
11/10/18 04:00

RFI promette standard europei per il porto di Genova da fine 2019

Il parco del Campasso avrà 8 binari da 750 metri, verrà realizzato un secondo accesso verso Sampierdarena oltre alla linea sommergibile e anche VTE disporrà del suo secondo binario

Genova – Entro fine 2019 il bacino portuale di Sampierdarena a Genova avrà un secondo accesso alle banchine (oltre alla linea cosiddetta sommergibile attualmente esistente) e il parco ferroviario del Campasso disporrà dei primi binari a standard europeo, quindi con lunghezza pari a 750 metri.

Lo ha annunciato in occasione di un convegno organizzato dal Comune di Genova e dedicato al Corridoio Reno – Alpi il responsabile produzione RFI Genova, Daniele Mari, intervenuto in sostituzione dell’annunciato Maurizio Gentile.   

Ricostruendo con una dettagliata panoramica quello che il gestore della rete ferroviaria nazionale sta portando avanti in termini di nuovi investimenti nel capoluogo ligure, Mari ha specificato innanzitutto che l’obiettivo di medio periodo è di portare al 40% la quota modale del ferro sul traffico totale di 4 milioni di TEU previsto tra qualche anno nello scalo.

Più nel dettaglio ha poi evidenziato i 642 milioni di euro investiti per il potenziamento del nodo ferroviario genovese fra le stazioni di Voltri, Principe e Brignole, ma soprattutto il potenziamento del parco del Campasso. A proposito di quest’ultimo, Mari ha detto che “alcuni investimenti previsti per i prossimi anni sono stati anticipati” e che il parco “potrà disporre in futuro di otto binari con lunghezza pari a 750 metri”. Il responsabile produzione RFI per Genova ha poi aggiunto che “entro fine 2019 verrà aperto un nuovo collegamento con il porto (precisamente con l’area di Calata Sanità, ndr) che si affiancherà all’attuale linea sommergibile. Si tratta di un progetto già finanziato che doterà lo scalo di sei chilometri di nuova infrastruttura ferroviaria e consentirà di far passare treni con sagoma P/C45 fra il parco del Campasso e il porto”.  

Buone notizie infine anche per il Voltri Terminal Europa di Genova Prà perché RFI ha ricordato i lavori previsti per il raddoppio del binario d’accesso al terminal previsti anch’essi terminare entro fine 2019. “Il terminal di Prà potrà passare da una capacità attuale di 11 treni al giorno a 24 coppie di treni e sarà possibile anche accelerare la velocità di manovra ferroviaria di 10 chilometri/orari con tre squadre di lavoratori impiegate nell’arco di 24 ore” ha concluso Mari.

Nicola Capuzzo

Stampa