APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
07/08/19 19:31

Portuali di Monfalcone in sciopero

Sindacato confederale e UGL proclamano un giorno di fermo e un mese di agitazione per l’inerzia della Regione nel passaggio delle competenze all’AdSP triestina

Il porto di Monfalcone si bloccherà per un intero giorno il prossimo 19 agosto.

Uno sciopero è stato infatti proclamato dalle segreterie territoriali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e UGLT-UGL, con stato di agitazione e sospensione degli straordinari fra 16 agosto e 13 settembre. “Ad oltre otto mesi dalla proroga del passaggio di competenze dalla Regione FVG all’Autorità di Sistema Portuale – si legge nella nota diramata dalle OOSS, con riferimento alla sospensione, da parte della Giunta Fedriga del trasferimento di prerogative dall’ente locale all’AdSP triestina derivante dalle decisioni prese dalla passata amministrazione regionale – è venuto il momento di esplicitare le criticità all’Assessorato e, conseguentemente al Governo di questa Regione nonché all’Autorità di Sistema Portuale, che si concentrano nei vari segmenti produttivi del Porto di Monfalcone. Criticità che oltre a penalizzare la nostra Regione rendendola meno competitiva, stanno determinando una perdita di efficienza del sistema produttivo e stanno compromettendo il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori del porto”.

Articolata la declinazione delle suddette criticità: dalle carenze infrastrutturali all’opacità delle regole e delle relative responsabilità ispettive e di controllo su varie materie (safety, security, applicazione delle normative ad esempio sull’autoproduzione). Un quadro per il quale secondo Filt, Fit, Uiltrasporti e UGLT sono necessari “confronti con cadenze regolari sia con l’Autorità Portuale che con le aziende operanti nel porto”.

Stampa