APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
17/02/17 09:31

Migliorano le condizioni per i dirigenti di agenzie marittime

Con il rinnovo del contratto nazionale previsto un aumento retributivo, potenziati welfare e politiche attive, rimodulate le tutele in uscita e inserite agevolazioni contributive al welfare contrattuale

Assemblea Federagenti a Trapani

Buone notizie per i circa 150 dirigenti di agenzie marittime attivi in Italia.

Manageritalia e Federagenti hanno infatti raggiunto un accordo sul rinnovo del contratto nazionale (ccnl dirigenti Agenzie Marittime) nel quale sono previsti un aumento retributivo, potenziati welfare e politiche attive, rimodulate le tutele in uscita, inserite agevolazioni contributive al welfare contrattuale.

Più nello specifico la comunicazione di Manageritalia parla di un aumento retributivo di 350 euro lordi (biennio 2017/2018) e della previdenza complementare Mario Negri di 400 euro (quadriennio 2015/2018), di un rafforzamento delle politiche attive con un voucher di 5.000 euro da utilizzare per servizi di ricollocazione presso società convenzionate o come autofinanziamento per l’avvio di attività imprenditoriali e una riduzione di quelle passive agendo sui termini di preavviso del licenziamento e sulla determinazione dell’indennità risarcitoria per il licenziamento ingiustificato. C’è poi anche un aumento delle tutele previste in caso di malattie più gravi e una minima diminuzione per quelle che lo sono meno.

Il rinnovo prevede anche agevolazioni contributive al welfare contrattuale (sanità, previdenza, copertura rischi e formazione) per attrarre o trattenere manager nelle imprese e favorire la nomina e presenza di dirigenti anche nelle aziende prive di un valido management esterno alla famiglia dell’imprenditore. È stato ionfine inserito nel contratto nazionale anche un articolo denominato “Produttività e Benessere” volto a promuovere e sostenere azioni mirate a favorire le buone pratiche di age management e di welfare aziendale. L’accordo decorre dal 1° gennaio 2015, salvo quanto previsto da singole norme, ed ha scadenza il 31 dicembre 2018.

N.C.

Stampa