English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
26/06/20 14:49

L’AdSP della Sardegna chiude il 2019 con 12 milioni di avanzo

Il comitato di Gestione ha stabilito di destinarli per fronteggiare il calo degli introiti e supportare il cluster portuale. Respinto il ricorso della Sintermar per i servizi passeggeri ad Olbia

Circa 58 milioni di euro di entrate, 46 dei quali impegnati per le attività dell’AdSP e 12 milioni di avanzo che, con apposita delibera, sono stati destinati a fronteggiare il calo degli introiti derivanti dalla pesante contrazione dei traffici e a supporto del cluster portuale.

Sono i numeri del bilancio consuntivo approvato, nella prima seduta post lockdown, dal Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna. La stessa Authority informa che “per quanto riguarda le entrate difficilmente saranno ripetibili nel corso del 2020, in particolare per quelle derivanti dalla riscossione dei diritti e dalle tasse portuali, dimezzate dal calo dei traffici, e dalla ipotizzata diminuzione degli introiti dei canoni demaniali dai concessionari colpiti dalla crisi. Per quanto riguarda, invece, le uscite, nel 2020, per far fronte alla situazione emergenziale, in particolare per i controlli ai passeggeri in arrivo nei porti, si renderanno necessarie ulteriori spese aggiuntive, sia per risorse umane che per attrezzature. Motivi per i quali, il Comitato di Gestione ha deliberato l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione”.

Nella relazione annuale approvata congiuntamente al bilancio viene sottolineata la crescita dei traffici passeggeri che, lo scorso anno, aveva portato i porti sardi in vetta alla classifica italiana, e la sostanziale tenuta del mercato crocieristico.

Tra gli altri punti discussi, oltre all’esame delle istanze di primo rilascio e di rinnovo di autorizzazioni allo svolgimento di operazioni e servizi specialistici portuali nei porti di competenza, numerose informative sulle concessioni demaniali. Una di queste, in particolare, riferita ad uno specifico protocollo d’intesa tra AdSP e Marina Militare che consentirà il rilascio, alla società Difesa Servizi Spa, della concessione demaniale marittima per la banchina del Molo di Levante e parte di pubblico demanio su cui ricade l’oleodotto che alimenta il Deposito Combustibili ex Pol Nato di Sant’Elia, di competenza della Base Logistica Avanzata di Cagliari. Obiettivo dell’accordo, il ripristino dell’efficienza operativa del deposito ed il parziale affidamento ad un soggetto privato, previo bando pubblico che sarà gestito dalla stessa Difesa Servizi.

“Le sedute dell’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare e del Comitato di Gestione – spiega Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna – hanno dato un fondamentale e concreto segnale di ripresa. Con l’approvazione del bilancio e la ridestinazione degli avanzi di amministrazione ci siamo messi nelle condizioni di affrontare con la dovuta energia la grave crisi che sta colpendo il traffico portuale e, di conseguenza, dare sostegno all’intero cluster. Abbiamo a disposizione una cifra consistente che ci consentirà di ripianare le perdite e fare fronte, senza riserve, a tutte le attività in programmazione per l’anno in corso”.

Il TAR respinge il ricorso della Sinergest sui servizi passeggeri a Olbia
Nessuno stop alla procedura di affidamento dei servizi ai passeggeri in arrivo e partenza al porto di Olbia –Isola Bianca. Lo ha deciso il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna che ha reso noto l’esito dell’udienza cautelare del 24 giugno. Respinto, dunque, il ricorso della Sinergest Spa che, ritenendo impossibile determinare una convenienza tecnica ed economica per formulare l’offerta, aveva chiesto al TAR l’annullamento della gara d’appalto indetta dall’AdSP del Mare di Sardegna il 20 aprile scorso. Si procede, quindi, con le aggiudicazioni dei lotti I e III. Il primo, relativo al Servizio di accoglimento, ricezione, smistamento ed instradamento dei veicoli in arrivo e in partenza dal porto, vinto dalla società di Roma, Italservizi 2007, che ha totalizzato il massimo del punteggio attribuibile, pari a 100 punti (70 per l’offerta tecnica e 30 per quella economica), rispetto ai 50,41 attribuiti alla Mast Spa di Napoli. Il terzo, che riguarda l’attività di Info point, deposito bagagli, assistenza ai passeggeri all’interno della Stazione Marittima, è stato, invece, aggiudicato al raggruppamento temporaneo olbiese Sps Srl e Fast, che ha raggiunto un punteggio di 75,91 rispetto ai 64,412 della Italservizi 2007. Ancora qualche giorno, invece, per chiudere l’ultima fase di gara, relativa al II lotto (Trasporto su navetta dalla stazione marittima alla nave e viceversa), per il quale l’AdSP ha richiesto alcuni chiarimenti sulla congruità nel rapporto offerta tecnica – offerta economica ad una delle 5 società concorrenti.

 

Stampa