APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
12/09/18 15:17

Il Terminal Multi Service di Venezia si rafforza con una nuova gru

Collaudata oggi una nuova biargano con portata di 125 tonnellate realizzata da Konecranes

Il terminal Multi Service di Venezia ha potenziato la sua dotazione infrastrutturale con una nuova gru biargano il cui collaudo è stato ultimato oggi. Costato oltre tre milioni di euro, l’impianto, realizzato da  da Konecranes Gottwald nella sua sede di Dusseldorf, è precisamente una Model 6, alta 39 metri, con 51 metri di sbraccio massimo, pesante oltre 450 tonnellate e con portata di 125.

Le operazioni di assemblaggio delle sezioni, giunte a Venezia via nave, hanno richiesto due settimane di lavori. La configurazione a doppio argano, spiega una nota dell’AdSP, è fondamentale per l’utilizzo delle benne a funi, che permetteranno di garantire un elevato rate di sbarco nelle navi, migliorando le prestazioni non solo in termini di velocità ma anche rispetto ai consumi

La Model 6, che potrà essere alimentata anche tramite energia elettrica, va ad affiancarsi alle altre 7 gru portuali che compongono la dotazione del terminal veneziano, specializzato nelle movimentazioni di break bulk e project cargo (di pochi giorni fa è la notizia della spedizione, dalle sue banchine, di tre mega caldaie realizzate da Macchi e destinate al Kazakistan).

“Si tratta di un investimento importante per la nostra azienda che, in questo modo, continua a scommettere sullo scalo di Venezia” ha commentato Paolo Dello Iacono, AD del terminal, che si è fiducioso di poter di aumentare i traffici in futuro, anche grazie agli investimenti previsti in “risorse umane e tecnologiche”

“Quando un nostro terminalista sceglie di rafforzare la sua presenza nel nostro scalo, investendo risorse in tecnologia e innovazione, significa che siamo sulla strada giusta – ha aggiutno il presidente dell’AdSP Pino Musolino – La nostra missione continua ad essere quella di creare le condizioni adatte affinché gli imprenditori continuino a scommettere sul Porto del Veneto con i suoi scali di Venezia e di Chioggia, l’efficienza dei quali è condizione necessaria affinché le aziende si possano approvvigionare di materie prime e possano esportare i loro prodotti finiti nel mondo”.

 

TAG : Handling
Stampa