APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
11/07/18 15:58

Il terminal GNL di Edison a Oristano per 50 anni

Dal Comitato di Gestione sì all’unanimità al rilascio della concessione demaniale marittima per l’impianto. Prorogata per un anno, invece, la permanenza di Sinergest ad Olbia

Nonostante le polemiche sorte nei giorni scorsi a seguito delle dichiarazioni del ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, che pochi giorni fa dalle pagine de La Nuova Sardegna aveva detto di ritenere “obsoleto e impattante” il progetto di metanizzazione dell’isola, sta proseguendo l’iter per la realizzazione dell’impianto di Edison per il GNL a Oristano.

Il comitato di gestione della AdSP del Mare di Sardegna, riunitosi ieri pomeriggio, ha infatti espresso il suo parere favorevole all’unanimità al rilascio della concessione demaniale marittima della durata di 50 anni in favore della Edison “per una superficie a terra e relativo specchio acqueo (rispettivamente di 11.140,24 e 7.857,46 mq.), situati lungo il canale navigabile Sud del Porto industriale di Oristano”, riferisce una nota dell’ente.

Nell’area “potrà essere realizzato un banchinamento per l’approdo di navi gasiere a servizio di un deposito costiero di Gas Naturale Liquefatto e di unità navali che intenderanno utilizzare Oristano come hub mediterraneo per l’approvvigionamento di carburante”. L’impianto, sottolinea ancora la nota, potrà garantire la fornitura, il trasporto e la distribuzione del GNL “a condizioni di sicurezza e di prezzo per la comunità e le imprese sarde analoghi a quelle di altre Regioni italiane, promuovendo così lo sviluppo di un sistema di mercato concorrenziale”.

Al contempo è stato inoltre avviato l’iter del secondo progetto sullo scalo di Porto Torres, per il quale, nel 2016, il Consorzio Industriale Provinciale aveva presentato all’allora Comitato Portuale dell’ex AP del Nord Sardegna, una richiesta di parere di massima su un possibile rilascio di concessione demaniale marittima per la realizzazione di un deposito costiero con terminal di carico e scarico nave.

L’iter, riferisce l’AdSP, è ripartito ieri con il rinnovo, da parte del Comitao di gestione, del proprio parere favorevole, un atto “utile a stimolare l’interesse degli operatori economici che faranno parte del partenariato pubblico – privato che realizzerà il deposito e la condotta criogenica”. Per questo progetto spiega ancora l’ente, il CIP di Sassari ha già acquisito “il progetto di fattibilità tecnico economico, il rapporto preliminare di sicurezza, l’assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale Strategica e, non ultimo, il finanziamento dal Ministero dello Sviluppo Economico per la fornitura e la posa di tre bracci di carico e scarico”. 

“Con il parere favorevole del Comitato di Gestione su progetti strategici come i depositi di GNL ad Oristano e Porto Torres – ha commentato Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna – diamo ufficialmente il via ad una nuova politica energetica e ambientale dei porti della Sardegna, che si candidano come hub mediterraneo per il bunkeraggio ecosostenibile. Oltre a favorire l’approvvigionamento di gas per l’Isola, puntiamo decisamente ad attribuire maggiore competitività ai nostri porti nello scenario mediterraneo”.

Un altro pronunciamento significativo del Comitato di Gestione ha riguardato il porto di Olbia, con il via libera all’estensione, per un massimo di un anno, della concessione demaniale della stazione marittima rilasciata alla Sinergest,in scadenza il prossimo mese di agosto. Un provvedimento “necessario al completamento delle procedure che porteranno al nuovo bando ad evidenza pubblica e, soprattutto, a garantire la continuità operativa del porto nella stagione estiva”.

 

TAG : Porti
Stampa