APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
23/12/19 18:15

Il Comune di La Spezia minaccia ancora Contship

Il sindaco Peracchini: “Mi auguro l’AdSP proceda alla revoca della concessione di LSCT nel caso persistano i ritardi sui lavori di ampliamento previsti”

“Mi auguro che, se entro metà gennaio LSCT non avrà dato notizie sul bando per la realizzazione dell'ampliamento di molo Garibaldi, l'Autorità di Sistema Portuale avvii la procedura di revoca delle aree demaniali date in concessioni per quello specifico intervento”.

Lo ha detto all'ANSA il sindaco de La Spezia Pierluigi Peracchini dopo che nei giorni scorsi i rapporti tra l'amministrazione comunale e il terminal portuale del gruppo Contship (partecipato da MSC) si sono ulteriormente raffreddati a causa dei ritardi del terminal nella realizzazione dell'infrastruttura, necessaria a ampliare il traffico container ma anche a liberare gli spazi per realizzare la nuova stazione crocieristica e il nuovo waterfront. La querelle era scoppiata dopo il licenziamento di una dipendente per la razionalizzazione di un settore del La Spezia Container Terminal. Sull'emissione del bando Contship aveva spiegato che erano ancora in corso verifiche tecniche.

“Dopo 4 anni sono scuse inaccettabili - ha detto Peracchini -, siano rispettati i motivi per cui hanno acquisito quella concessione. La città non può subire gli egoismi di una azienda. Non hanno fatto investimenti per le infrastrutture adatte a accogliere le nuove navi, mentre procedono con investimenti in Marocco. Se entro metà gennaio non avremo novità penso sia un atto dovuto dell'Authority quello di ritirare la concessione per gli spazi in cui dovrebbero prendere corpo gli ampliamenti”.

Il riferimento è agli appalti che LSCT avrebbe dovuto bandire entro agosto a fronte del prolungamento della propria concessione ottenuto nel 2015. Un paio di mesi fa Cecilia Battistello, numero uno di Contship, aveva rassicurato, a mezzo stampa, sull’impegno assunto dal gruppo, ascrivendo il ritardo a “esigenze di approfondimento tecnico, che non comporteranno significativi allungamenti dei tempi”. La situazione però non si è ancora sbloccata.

L’attacco del sindaco ha suscitato reazioni di segno opposto da parte del sindacato e del presidente dell’Associazione degli Agenti Marittimi spezzini Giorgio Bucchioni, ma Peracchini, in una successiva intervista all’edizione locale del Secolo XIX, ha ribadito i concetti espressi, evitando di commentare l’indiscrezione su una possibile uscita di Contship da LSCT (a favore del socio oggi di minoranza MSC). Quanto all'AdSP, la presidente Carla Roncallo si è detta fiduciosa "che gli impegni presi vengano mantenuti, e crediamo non si debbano neanche immaginare scenari alternativi a questo. Tuttavia, rispettosi del richiamo del sindaco e consapevoli della delicatezza complessiva che l'argomento riveste, rassicuriamo che nulla sarà lasciato al caso e, se necessario, si interverrà nei tempi e modi più opportuni per l'interesse del porto”.

 

Stampa