APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
10/02/17 16:55

Grimaldi e Onorato vicini di casa a Catania

Conclusa la gara per la concessione dei piazzali della Nuova Darsena. Spazio anche a Caronte&Tourist ed EST Terminal (container)

A breve l’Autorità Portuale di Catania renderà pubblico esito e dettagli, ma la gara per l’assegnazione delle concessioni della Nuova Darsena di Catania si è conclusa in questi giorni, premiando più di un contendente.

Le istanza presentate non sono pubbliche, per cui è impossibile valutare il risultato ottenuto da ciascuno degli istanti in rapporto alle sue aspettative, ma da quel che Ship2Shore ha potuto ricostruire sono tre gli operatori che si spartiranno per i prossimi quattro anni gli oltre 80mila mq di piazzali a disposizione nel porto di Catania per il traffico ro-ro e ro-pax, compresi quelli afferenti al nuovo terminal inaugurato nell’estate 2015 e costato circa 100 milioni di euro: a fianco dei rivali Grimaldi e Onorato ci sarà Caronte&Tourist, socio paritetico di Grimaldi, peraltro, nella compagnia New TTT Lines che opera proprio fra lo scalo etneo e Napoli.

Grimaldi ha partecipato alla gara con la società Grimaldi Euromed, mentre la società del gruppo Onorato CIN Tirrenia era capofila (al 60%) di un’Ati composta anche da Semar (20%), impresa portuale titolare di autorizzazione alle operazioni ex art.16 (per cui Grimaldi, come Atlantica di Navigazione, è autorizzata ad operare a Catania in self-handling), e Servizi per l’Armamento Marittimo (20%).

Tutti e tre i titoli assentiti a Grimaldi, Tirrenia e Caronte avranno durata di 4 anni, riguarderanno solo i piazzali (le banchine sono escluse e restano quindi ‘aperte’) e occorrerà attendere le comunicazioni ufficiali dell’Autorità Portuale non solo per capire quali aree siano esattamente state assegnate ad ognuno, ma anche la misura finale del canone annuo, stando che quello a base di gara era di 9 euro annui a mq: ciascuno dei tre terminalisti, infatti, ha presentato un differente piano di investimenti (anch’essi non ancora disponibili al pubblico), che andrà ad incidere sulla cifra che dovrà versare all’Authority.

Stesso discorso, in termini di canone, per EST Terminal, che, già operativo sulle banchine catanesi nella movimentazione di container, nell’ambito di questa procedura ha ottenuto una ricollocazione dei propri spazi (come da cartina qui pubblicata) e un prolungamento di 15 anni della propria concessione. 

Andrea Moizo

Stampa