APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
12/07/18 17:28

Genova e Spezia nuovi scali di transhipment emergenti in Italia

A Trieste il trasbordo di container incide per oltre il 43% sui volumi complessivi di container sbarcati e imbarcati

Il Trieste Marine Terminal

Che i porti di puro transhipment in Italia siano una specie in via d’estinzione sembra essere ormai quasi assodato ma è interessante notare che, contestualmente al calo del trasbordo container in scali come Taranto, Cagliari e Gioia Tauro, quest’attività sta invece crescendo in alcuni porti gateway. A dimostrazione che il trasbordo continua a essere un servizio evidentemente richiesto dalle compagnie di navigazione anche nel nostro Paese ma i vettori preferiscono concentrare quest’attività in quel numero ristretto di scali in grado contestualmente di accogliere le grandi navi e di servire mercati di produzione o di destinazione finale.

Nel 2017 in Italia il totale dei container trasbordati è stato di circa 3,86 milioni di TEU e un ruolo da protagonista lo ha avuto Gioia Tauro che da solo ha imbarcato e sbarcato poco meno di 2,45 milioni di TEU. Alle sue spalle, però, il porto di Genova (con 369.580 TEU) ha raggiunto come market share nel transhipment di container lo scalo sardo di Cagliari (con 369.725 TEU) che deve l’80% dei suoi volumi al trasbordo. Nel capoluogo ligure, invece, questo segmento di business rappresenta il 14,1% del numero complessivo di container movimentati.

È significativo inoltre notare come anche gli altri principali porti gateway italiani stiano vedendo aumentare la quota di transhipment e così nel 2017 a Trieste sono stati trasbordati 267.110 TEU (pari a una quota prossima al 44% del movimentato totale in TEU), a La Spezia 211.507 TEU (il 14,4% del totale) e a Livorno 170.141 TEU (pari a un incidenza del transhipment sul totale del 23,2%). Molto minore o quasi nullo invece il peso delle attività di trasbordo in scali come Venezia, Napoli, Ravenna. Salerno e Ancona.

Sergio Curi, autore dello studio su “Import, export & logistica” condotto per Alsea e presentato in occasione dell’ultima assemblea dell’associazione degli spedizionieri e trasportatori lombardi, oltre a evidenziare il peso rilevante del transhipment (43,4%) sul totale dei container movimentati dal Trieste Marine Terminal, evidenzia che, al netto del trasbordo, il traffico diretto di container pieni in Italia nel 2017 è stato pari a poco più di 5 milioni di TEU (quasi 6,8 milioni di TEU includendo anche i vuoti).

Nicola Capuzzo

Stampa