APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
18/05/20 17:30

Da RFI 48 milioni per il porto di Ravenna

L'importo, ha spiegato Rossi, servirà a realizzare "due stazioni ferroviarie per le merci", mentre altre opere del valore di ulteriori 29,5 milioni sono già state avviate

Il porto di Ravenna potrà migliorare la sua infrastruttura ferroviaria al servizio delle merci grazie a uno stanziamento di 48 milioni di euro da parte di RFI. Ad annunciarlo sono stati oggi il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, l’assessore regionale alle Infrastrutture, Andrea Corsini, insieme al sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, e al presidente dell’Autorità portuale di Ravenna, Daniele Rossi, nel corso di una videoconferenza stampa.

In particolare gli interventi serviranno a lavori sulle linee ai lati del canale Candiano, che collega l'area portuale con la stazione ferroviaria.

Al lato destro, ha spiegato la Regione, sono destinati 26,7 milioni di euro (comprensivi di spese per tecnologie, allestimento, opere civili e fabbricati), mentre al lato sinistro andranno finanziamenti per 21 milioni di euro. Le opere includono la realizzazione di una "nuova stazione presso la Base in Destra Candiano," con la "centralizzazione ed elettrificazione dei sei binari esistenti con inserimento di tratti di binari di indipendenza e di sosta per locomotori elettrici, collegamenti e adeguamenti dei binari, realizzazione di un fabbricato per l’attività di manovra, centralizzazione ed elettrificazione della dorsale di collegamento tra la stazione di Ravenna e la nuova stazione in Destra Candiano".

Lo scalo sul lato sinistro, chiarisce ancora la Regione, "sarà costituito da 12 binari, tutti elettrificati e centralizzati, di cui: uno adibito a binario di circolazione verso la dorsale dei raccordati; sette binari adibiti a fascio di arrivo e partenza (sosta temporanea  o per operazioni di verifica e preparazione per i treni in partenza);  due binari adibiti a fascio di presa e consegna, ovvero sosta polmone; due binari adibiti alla sosta temporanea dei carri non conformi alle caratteristiche del treno in partenza o in arrivo".

Questo finanziamento - ha commentato il Presidente dell’AdSP Daniele Rossi – "ci consentirà di completare il disegno complessivo del progetto di Hub Portuale con la realizzazione di due fondamentali stazioni ferroviarie dedicate alle merci movimentate nel porto dell’Emilia Romagna". Rossi ha anche chiarito che entro un mese verrà individuato il vincitore del bando di gara per realizzare gli interventi infrastrutturali che il progetto prevede (escavo dei fondali, costruzione di nuove banchine, realizzazione di 200 ettari di aree per la logistica).

Nel frattempo, un pacchetto di ulteriori interventi (del valore complessivo di 29,5 milioni) è già stato avviato da RFI nello scalo. Questo insieme di opere, che era stato oggetto di uno schema operativo tra Regione, Comune, AdSP e la stessa RFI nel 2017, comprende la conclusione dei lavori per la ripresa in esercizio dell'attuale scalo in sinistra Candiano (3,1 milioni di euro, attesa entro l'estate), il prolungamento del sottopassaggio pedonale di stazione per 2,8 milioni di euro, l’adeguamento del cavalcavia Teodorico sopra il tracciato ferroviario (5 milioni di euro, dovrebbe terminare a dicembre), la realizzazione del sottopassaggio carrabile, sostitutivo del passaggio a livello di via canale Molinetto (15 milioni di euro, i lavori inizieranno nel 2021) e la progettazione del prolungamento della dorsale destra ferroviaria nella penisola Trattaroli all’interno dell’area portuale.

TAG : Ferrovie
Stampa