APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
30/07/18 17:25

Brindisi affida il servizio ferroviario portuale a Mercitalia

La concessione avrà durata triennale

L’AdSP del Mare Adriatico Meridionale ha comunicato di avere concesso “in via sperimentale” a Mercitalia Shunting & Terminal “il servizio ferroviario in ambito portuale e la movimentazione dei carri ferroviari sui binari portuali”, con la contestuale messa a disposizione dei binari collegati al nuovo raccordo ferroviario presso lo sporgente di Costa Morena Est.

La controllata di FSI, dettaglia l’AdSP in una nota, “effettuerà tutte le operazioni inerenti il servizio di manovra e formazione treni, tutte le prestazioni accessorie al trasporto ferroviario, movimentazione e trazione dei carri e dei convogli ferroviari in arrivo e in partenza negli ambiti collegati al porto di Brindisi e tutte le relative attività complementari per conto delle imprese che eseguono il trasporto ferroviario, dei terminalisti del porto e degli operatori in generale”. Presso la banchina di Costa Morena Est sarà inoltre realizzato uno snodo per la composizione e scomposizione dei treni.

Mercitalia inoltre aprirà a Brindisi uffici “adeguati” e svolgerà attività di manutenzione e pronto intervento su mezzi e infrastrutture con un proprio team in loco.

La concessione ha durata triennale e, spiega l’authority, al fine di favorire lo sviluppo dei traffici prevederà tariffe scontate (precisamente, la più alta sarà pari a 412,50 euro per le manovre di terminalizzazione dai binari di arrivo della stazione di Brindisi ai binari di carico in banchina e viceversa).

 “Dopo i fasti della Valigia delle Indie (il servizio che a fine ‘800, via treno e via piroscafo, trasportava posta e passeggeri da Londra a Bombay, passando appunto per lo scalo pugliese, ndr) il porto di Brindisi torna a recitare un ruolo strategico nel panorama internazionale della logistica integrata” ha commentato il presidente dell’ente Ugo Patroni Griffi, spiegando che il nuovo raccordo ferroviario, insieme allo sviluppo di nuovi collegamenti intermodali, potrà agevolare le imprese che operano nella zona industriale rendendo di nuovo Brindisi un “hub internazionale per lo scambio di merci con l’Europa e con i Paesi che si affacciano nel bacino del Mediterraneo”.

TAG : Porti
Stampa